Lobotka: “Scudetto incredibile! Napoli punto più alto della mia carriera”

ADV
ADV
ADV

Stanislav Lobotka, centrocampista del Napoli, si è raccontato alla rivista statunitense di economia Forbes. Di seguito le dichiarazioni dello slovacco rilasciate nel mese di luglio.

Come sono stati i festeggiamenti per il titolo? Chi si sono fatti tatuare? “Probabilmente non siamo ancora andati così lontano. (ride) I festeggiamenti sono stati bellissimi, è difficile descriverli a parole, devi provare qualcosa del genere. I napoletani sono noti per il fatto che per loro il calcio è tutto. Forse i festeggiamenti continuano anche adesso (abbiamo fatto l’intervista a metà giugno, ndr) e credo che dureranno una settimana circa. Non sono ancora finiti. (ride) È stato fantastico, abbiamo apprezzato tutti l’atmosfera. Almeno mi hanno lasciato la biancheria intima…”.

Come può succedere una cosa del genere? “Lo scudetto lo abbiamo vinto contro l’Udinese, in trasferta. È stato incredibile: i tifosi hanno preso d’assalto il campo, ci hanno portato via tutto, mi hanno lasciato solo la biancheria intima. Uno teneva una scarpa, l’altro l’altra… Io dico: te le regalo, non c’è problema! Mi hanno quasi strappato le gambe, hanno preso tutto, le parastinchi, la maglia… Dopo tre giorni avevo un’altra partita e ho pensato che non avrei avuto niente con cui giocare! Sono pazzi per il calcio, sono venuti a trovarci nello spogliatoio, erano spontaneamente felici, tutti gridavano. Era un’euforia così primordiale. Poi quando siamo arrivati in hotel, abbiamo festeggiato fuori con i fan, non siamo tornati a casa fino al giorno successivo”.

 

Nei media italiani vi chiamavano una squadra di alieni… “…ti sembro un alieno? (ride)? Non so se siamo stati la migliore squadra della storia. Il titolo lo abbiamo vinto, certo, e lo abbiamo vinto con margine, ma d’altra parte, anche quando Marek (Hamsík) ha giocato lì, hanno fatto novantuno punti in una stagione (nella stagione appena conclusa il Napoli ha vinto con novanta punti, ndr) e comunque non hanno vinto, anche se hanno giocato un bellissimo calcio. Ce l’abbiamo fatta, ma non so se siamo stati i migliori. Siamo stati anche fortunati, alcune squadre forti hanno vacillato contro avversari diversi e ce l’abbiamo fatta. Se vuoi diventare un maestro, devi avere anche un po’ di fortuna. E quando non la avevamo, sapevamo come portarlo dalla nostra parte. Ma se dicono che eravamo alieni forse è perché nessuno parlava di noi come candidati al titolo all’inizio della stagione”.

Il tuo agente Jasurek ha detto qualche mese fa che il Napoli non ti venderà per meno di 40mln di euro. Hai il coraggio di indovinare chi potrebbe borsare questa somma? “Non lo so… mi valuterei cinque milioni. (ride) Tuttavia, il proprietario mi inseguirebbe, ovviamente ha un’opinione diversa al riguardo. Il mercato è semplicemente così: i giocatori vengono venduti per 120 milioni, che, secondo me, sono già somme terribilmente elevate per un calciatore. Tiene conto anche se sei in nazionale, se hai giocato il Mondiale, la Champions League e così via. Ma non riesco a capire le somme enormi”.

Come ti trovi economicamente a Napoli? La cifra non ufficiale dello stipendio di 3mln di euro all’anno è corretta? “Non vorrei commentare questo aspetto.”

Hai tuttavia migliorato il tuo ingaggio in autunno quando hai prolungato il contratto. In modo significativo? “E’ vero, ma Napoli mi piace molto. La gente lì è fantastica, ho giocato, non avevo motivo di pensare che non sarei voluto restare lì. Ci siamo seduti con il proprietario, abbiamo condiviso le nostre idee e abbastanza rapidamente – sorprendentemente – abbiamo trovato l’accordo. Sono molto soddisfatto”.

Probabilmente hai lo stipendio più alto della tua carriera. “Sì, ce l’ho”. Anche con bonus al raggiungimento degli obiettivi? “Ci sono dei bonus quando vinciamo il titolo, quando raggiungiamo il successo in Champions League…”.

Quanto spesso vieni pagato in Italia? “Mensile. E a volte anche tre mesi. Quella è l’Italia, non capirai, devi viverci. (ride)”.

Hai parlato della mentalità italiana. Cosa ti piace e a cosa ti stai abituando? “Devo ancora abituarmi al modo in cui guidano lì. Napoli o ti piace o non ti piace, non c’è via di mezzo. C’è più sterrato, ad esempio sulle strade, il traffico non è l’ideale, ma in compenso mi piace la mentalità, sono amichevoli, quindi modesti. C’è del cibo eccellente, cosa posso fare? Hai Capri, le isole, il mare…”.

È vero che i napoletani sono molto superstiziosi? “Ad esempio, quando passa a qualcuno una saliera, devi prima metterla sul tavolo e poi lasciare che qualcun altro possa prenderla. Non passa di mano in mano, porta sfortuna. Me lo fece notare un amico una volta quando gli dissi: dammelo normalmente… (sorride)”.

Ancora qualche domanda sui soldi che hai guadagnato. Come li investi? “Investo circa il 15-20% del mio reddito in fondi di investimento per rendere il denaro redditizio, è anche la mia ‘pensione’ dopo la mia carriera calcistica. Ne investo una parte in immobili in Slovacchia e all’estero” Anche in Italia? “Piuttosto in Spagna, alle Isole Canarie”.

Hai investito anche nel calcio, in un club di Podbrezová, che milita nella massima competizione slovacca. Come ci hai pensato? “Conoscevo già Vladimír Soták, presidente del club e comproprietario del club, nonché il direttore generale del club Mir Poliacek. Mi hanno convinto con la loro strategia, la filosofia, con quale allenatore e come vogliono giocare e dove muoversi nel calcio. Sottolineano, ad esempio, che il club può guadagnare dai trasferimenti dei giocatori ma vogliono concentrarsi anche sulla formazione dei giocatori slovacchi. Mi è piaciuto tutto. Mi sono consultato anche con l’agente e con altre persone, e anche loro hanno pensato che fosse una buona cosa”.