Osimhen: “Posso segnare quattro gol a partita! Se cambio paese mi adatto rapidamente…”

ADV
ADV
ADV
ADV

L’attaccante del Napoli Victor Osimhen ha rilasciato una lunga intervista al Daily Mail“Se riusciamo a vincere lo Scudetto, la città non sarà più la stessa. In città i tifosi hanno le lacrime agli occhi. Non vincono il campionato dai tempi di Maradona e sono vicini a realizzare questo sogno. A volte vengono sotto casa dei giocatori per mostrare il loro amore, anche alle 2 del mattino. Napoli vive per il calcio e ho immaginato tante volte come esploderebbe la città se dovessimo riuscire a vincere lo scudetto. Abbiamo la possibilità di andare lontano anche in Champions League”.

Su Haaland: “Nel Napoli gioco con Leo Ostigard che è molto amico di Haaland e gioca con lui nella Norvegia. Sono un fan della Bundesliga, quindi l’ho seguito per un po’ e ogni fine settimana sembra segnare due, tre, quattro gol. Ostigard mi ha parlato molto di lui, di quanto si alleni duramente, poi un giorno mi ha detto: “Se vuoi, posso portarti la sua maglietta”. Ho detto: “Grande, fratello.”

Così ha parlato con Haaland, che ha anche chiesto la mia maglietta, quindi le abbiamo scambiate attraverso Ostigard. È uno dei migliori della sua generazione, quindi essere paragonato a lui – ed essere considerato uno dei migliori attaccanti del mondo – mi dà forza per fare di più. Posso segnare quattro gol in una partita, posso fornire più assist, posso fare molte più cose perché ho la qualità per farlo. Ho bisogno di lavorare ancora di più e poi alla fine della mia carriera posso sperare di guardare indietro e dire sì, ho fatto alcune cose meravigliose.

Com’è giocare sotto pressione?

“Non voglio mentire. Sarebbe il mio sogno essere il calciatore africano dell’anno. Ero alla cerimonia nel 2015, quando Pierre-Emerick Aubameyang vinse il premio. La mia prima esperienza nel calcio europeo, al Wolfsburg, è stata difficile. Ma ora so che se cambio paese, mi adatto rapidamente. Non sono il tipo di giocatore che soffre la pressione e cerco di rimanere calmo in ogni situazione. La stagione sta andando davvero bene. Ho messo su numeri incredibili e sono orgoglioso di ciò che ho raggiunto, ma non ho ancora finito”.