Chiariello: “Bisogna essere tutti uniti per fare la storia”

ADV
ADV
ADV
ADV

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio Umberto Chiariello, è intervenuto con il suo editoriale: “Stasera il Benfica ospita l’Inter, una partita dove il Benfica sembra superiore, ma l’Inter ha individualità più importanti. Chi dà per spacciato l’Inter non mi trova d’accordo, l’Inter può passare il turno. Ancor più complicata è la gara di domani: se il Napoli fosse al massimo della condizione con tutti i suoi titolari effettivi, non ci sarebbe partita. Domani si giocherà su ogni palla, con motivazioni al 1000% e non voglio stare a sentire ai cattivi consiglieri che consigliano di sostituire il sistema di gioco. Spalletti deve recuperare il suo Napoli, perché se il Napoli fa il Napoli è più forte, come dimostra il campionato. Saprà il Napoli fare il Napoli? Saprà il Napoli evitare le trappole milanesi? Il Milan è una squadra lunatica, ma quando è concentrato è pericolosissimo. Il Napoli deve fare il Napoli, il Milan è un avversario ostico che negli scontri diretti si è mostrato superiore. Domani non si gioca per il solo accesso alle semifinali, ma anche per rimarcare e certificare una superiorità e credo che Spalletti parli chiaramente ai suoi. Non c’è da fasciarsi la testa, domani c’è da gettare il cuore oltre l’ostacolo. Sono fiducioso che il Napoli che scenderà in campo, sarà un grande Napoli, ma deve farlo sapendo di poter contare sul suo pubblico: basta scioperi, polemiche, insulti, è il momento della storia e bisogna partecipare tutti uniti, togliendo di mezzo orgoglio, polemiche e interessi personali. In questo momento, c’è in gioco qualcosa da tramandare ai nostri nipoti, oltre che farlo vivere ai nostri figli e noi stessi questa bellezza non l’abbiamo mai avuta. L’autolesionismo tipico del mezzogiorno, per una volta tanto, sia accantonato: l’ambiente deve essere trascinante, non la palla al piede. Invito tutti ad usare il cuore per dire forza Napoli”.