Insigne: “Non dimenticherò mai la mia ultima partita col Napoli. Sulla nazionale…”

ADV
ADV
ADV

Nelle ultime ore l’ex capitano del Napoli, Lorenzo Insigne, ha rilasciato un’intervista alla FIFA, in cui ha parlato del periodo a Napoli e di un ipotetico ritorno in nazionale.

Di seguito le dichiarazioni dell’esterno napoletano:

”Sei stato uno dei principali artefici dell’ascesa del Napoli negli anni, che ha portato allo scudetto lo scorso anno. A quel punto te ne eri andato, ma cosa ti è passato per la mente quando hanno vinto il campionato? Ero così, così felice. Portare lo scudetto al Napoli è sempre stata un’ossessione per i napoletani come me . Non ero lì per vederlo, ma come fan ero lì con lo spirito. Alcune persone potrebbero pensare che fossi un po’ invidioso, ma il fatto è che non avrei potuto essere più felice. Vedere il Napoli lassù per me è stato davvero emozionante. Il tifoso che è in me soffre un po’ per come sta andando questa stagione, ma è sempre difficile farlo di nuovo. Ciò che la squadra ha ottenuto è stato unico e i tifosi devono essere al loro fianco perché i ragazzi se lo meritano davvero.”

 

”Qual è stato il momento più bello della tua carriera al Napoli? Ci sono tante cose che apprezzo del mio periodo al Napoli. Undici anni sono tanti e ogni anno ci sono stati momenti meravigliosi, ma non dimenticherò mai la mia ultima partita, contro il Genoa. Non mi aspettavo di ricevere quell’accoglienza e così tanto calore da parte dei tifosi. Pensavo che i tifosi non avrebbero accolto di buon occhio la mia partenza a parametro zero. Sapevo di aver dato tutto alla squadra e che era giunto il momento di separarsi, ma è stato comunque davvero emozionante per me vedere quello stadio così pieno per me, che sono nato e cresciuto a Napoli. È stato unico.”

 

”Quanto è stato importante Spalletti per il Napoli e quanto potrà esserlo per l’Italia? Spalletti è stato assolutamente determinante per la vittoria dello scudetto . Ha messo insieme una grande squadra nei suoi due anni al Napoli, con uno staff tecnico che sapeva quello che faceva. Si assicura sempre che tu sia acceso e pronto a tutto. Penso che la Nazionale abbia fatto la scelta giusta dopo [Roberto] Mancini. Era l’unico che poteva subentrare per tutto quello che aveva fatto in carriera e negli ultimi anni, anche se non sarà facile per lui far giocare l’Italia come il suo Napoli perché non è una giornata da -lavoro del giorno. Detto questo, sono sicuro che farà di tutto per rendere l’Italia migliore possibile e che ci porterà a grandi cose.”

 

”Parlando di Nazionale, quanto ti piacerebbe vestire nuovamente la maglia azzurra? Io e l’allenatore abbiamo fatto una chiacchierata tranquilla. Ho un ottimo rapporto con lui e sa che penserò alla Nazionale finché giocherò. Quel sogno d’infanzia è ancora lì. Ho avuto la fortuna di giocare per l’Italia e vincere un Europeo, che è stato indimenticabile. Adesso sono in Canada ma mi sono sempre messo a disposizione, anche se l’allenatore ha delle scelte da fare per il bene della squadra e io devo rispettarle. Se riceverò la chiamata da lui accetterò volentieri, ma se non arriva sarò il più grande tifoso dell’Italia. Dovrò semplicemente andare e fare ancora di più per rendergli difficile la prossima scelta.”

 

Il tuo ex compagno nel Napoli Dries Mertens ha detto che è vicino al ritiro. Cosa ne pensi? Mi rende triste pensare che Mertens possa ritirarsi. È un giocatore straordinario e con lui ho passato dei momenti meravigliosi. È onesto e quando arrivi a questa età potresti sentirti abbastanza giovane ma il tuo corpo ti dice il contrario. Le cose sono diverse quando hai 36 anni ed è una partita diversa in termini di atletismo. Ho 32 anni e non voglio pensarci. Mi mette ansia solo a pensarci perché questo è tutto ciò che ho mai fatto. Voglio durare altri quattro o cinque anni, finché mi diverto. Ma devi ascoltare quello che ti dice il tuo corpo e capire quando potrebbe essere il momento giusto per dire basta.”