In Val di Sole Martina Berta cerca un’altra magia

ADV
ADV
ADV
Nella parabola sportiva di un atleta ci sono giornate che più di altre ne segnano carriera e futuro. Martina Berta sarà per sempre legata da un filo invisibile al 2 luglio 2023, giornata conclusiva dell’ultima edizione delle UCI Mountain Bike World Series in Val di Sole, dove l’atleta di La Salle riuscì a cogliere il suo miglior risultato nel circuito chiudendo al secondo posto alle spalle di Puck Pieterse.

A quasi un anno di distanza da quel giorno, la Campionessa d’Italia tornerà ad affacciarsi sul campo gara di Daolasa di Commezzadura, in Trentino, per affrontare venerdì 14 giugno lo Short Track e domenica 16 il Cross Country delle WHOOP UCI Mountain Bike World Series in Val di Sole.

La valdostana è reduce dalla ricognizione sul tracciato Olimpico di Parigi 2024, per certi versi con caratteristiche agli antipodi rispetto a quello della Val di Sole, ma che presenta anche un elemento in comune.

“Sono due prove molto diverse. Il tracciato Olimpico è artificiale e si adatta a corridori potenti, bisogna saper spingere lunghi rapporti, mentre per primeggiare in quello della Val di Sole serve tecnica. È necessario essere dei rider completi per trovare il compromesso tra sezioni molto diverse. L’unico passaggio dove è possibile trovare delle somiglianze è quello sul percorso di four-cross del circuito della Val di Sole, peraltro sempre molto divertente da affrontare”.

“In generale, se devo essere sincera”, ha proseguito Martina Berta – “fino allo scorso anno non credevo che Val di Sole fosse adatta alle mie caratteristiche nonostante il percorso mi piacesse e divertisse tanto. Poi vedendo come è andata, mi sono ovviamente ricreduta”.

“E’ una pista che non lascia respiro, che richiede doti in salita ma la tecnica giusta per affrontare le discese. È questa la parte più difficile, perché al termine di uno sforzo così intenso bisogna comunque trovare il modo di recuperare energie e allo stesso tempo impostare le traiettorie migliori. Fare la differenza in discesa è piuttosto complicato: io cerco sempre di scendere forte ma allo stesso tempo di lasciarmi sempre un leggero margine perché chiaramente gli errori si pagano. Lo scorso anno sono riuscita a mettere insieme tutto e per questo me la sono giocata con le migliori”.

Un secondo posto che ha regalato grandi certezze sul proprio valore all’atleta di La Salle. “Quel secondo posto è stato un po’ lo spartiacque della mia carriera: ovviamente per arrivare così in alto bisogna essere sorretti da una grande condizione e io stavo bene in quel momento. Però quando corri al livello più alto è la testa a fare la vera differenza”.

Come da tabella di marcia, l’inizio delle WHOOP UCI Mountain Bike World Series 2024 è stato un po’ in sordina per la portacolori della Santa Cruz Rockshox, ma già a Nove Mesto, la Campionessa d’Italia ha dimostrato di essere in netta crescita di condizione al cospetto di una concorrenza di altissimo livello.

“In questo momento, Pauline Ferrand Prevot è sorretta da una condizione incredibile ed è la favorita anche per la gara in Val di Sole. Chiaramente sarà della partita anche Puck Pieterse. Inoltre, ho visto molto bene Alessandra Keller. Sono loro le atlete da battere”.

I biglietti per le WHOOP UCI Mountain Bike World Series in Val di Sole sono in vendita su www.valdisolebikeland.com.

 

Malé (TN), 5 giugno 2024

Foto: 1) La gioia di Martina Berta in occasione delle UCI Mountain Bike World Series in Val di Sole 2023; 2) Il duello tra la Campionessa d’Italia e Pauline Ferrand Prèvot in Val di Sole; 3) Il pubblico della Val di Sole in visibilio per Martina Berta (Credits: Daniele Molineris). Clicca sulle immagini per scaricarle.