GeVi Napoli, il cuore non basta. Watt gela il PalaBarbuto sulla sirena

ADV
ADV
ADV
ADV

Altra sconfitta interna della GeVi Napoli, che si arrende alla Reyer Venezia e al talento di Watt che, sulla sirena, realizza il decisivo canestro del 91-93 finale.

Gara subito infuocata con Willis che colpisce con una mancata Wimbush e viene espulso, mentre l’azzurro è sanzionato con un tecnico. Napoli trova il primo vantaggio sul 10-9 al 4′, mentre Venezia si affida all’ex Parks per il primo allungo sul 11-18 del 7′. La GeVi è lì, e risponde presente col duo Williams – Howard e, grazie alla bomba di Young, chiude avanti il primo quarto (27-24). Si continua a segnare tantissimo, con l’equilibrio che la fa da padrone. Al 19′, Venezia prova la fuga e chiude avanti 48-56.

Nel secondo tempo Venezia trova il massimo vantaggio sul +11, Napoli non si scompone e torna a -3 al 25′ con Michineau. La Reyer resta con la testa in partita e ristabilisce il +8 anche al 30′

La GeVi le prova tutte e torna a -3 (77-80). Spissu rimette due possessi tra le squadre. Al 39′ Howard mette la tripla dall’angolo del -1 (84-85). Granger (due viaggi) e Zerini sono glaciali a cronometro fermo (88-91). A 2″ dal termine, la bomba di Zerini pareggia sul 91-91. Sembra inevitabile l’overtime. Ma Watt realizza il canestrone del definitivo 91-93.

Generazione Vincente Napoli Basket – Umana Reyer Venezia 91-93 (27-24, 48-56, 62-70)

Napoli: Zerini 9, Howard 14, Young 9, Michineau 14, Dellosto 3, Uglietti 5, Wimbush 7, Williams 20, Stewart 10, Sinagra ne, Bamba ne, Grassi ne. All: C. Pancotto

 

Venezia: Spissu 11, Parks 20, Bramos 15, Moraschini 3, De Nicolao ne, Granger 12, Chillo, Brooks 2, Willis, Watt 16, Mokoka ne, Tessitori 14. All: N. Spahija

 

Arbitri: Sahin di Messina, Borgioni di Roma, Valzani di Martina Franca