Ziliani: “Termine Caz**te usato dal Napoli lecito. Altri devono vergognarsi”. E c’è la risposta di ADL

ADV
ADV
ADV
ADV

Ha fatto tanto discutere il comunicato della SSC Napoli riguardante le voci infondate di una trattativa per il rinnovo di Kvaratskhelia (clicca qui per leggere il comunicato), ma il giornalista Paolo Ziliani ha voluto chiarire la questione sulle pagine de “Il Fatto Quotidiano”.

Ziliani apre la sua rubrica con un titolo ironico: “Cazzate. Guai a usare quella parola. Spararle, invece, è perfettamente lecito”. Dopo aver spiegato con ripetuti esempi riportati dai dizionari di lingua italiana l’accettazione della parola nell’uso comune, il giornalista ha chiuso l’articolo con una personale riflessione:

Gabriele Gravina dopo il patteggiamento FIGC-Juventus (30-5-2023): “È un bel giorno per il calcio italiano. Soluzione auspicata e condivisa, è stato salvaguardato lo straordinario brand di un club come la Juventus”. Luigi De Siervo, sull’asta diritti-tv (4-9-2023): “Non accettiamo offerte al ribasso, il campionato italiano è il più bello e il più trasparente d’Europa”. Ora: confrontate le suddette dichiarazioni con il comunicato del Napoli e decidete quali sono le “cazzate” di cui sarebbe il caso di vergognarsi…

A sostegno della tesi di Ziliani, è poi arrivato anche il tweet di Aurelio De Laurentiis: