Youth League: le pagelle degli azzurrini

Azzurrini eroici. Il Napoli vince all’esordio stagionale in Youth League, battendo in trasferta lo Shaktar col punteggio di 2 a 1. Successo maturato con il team di Suarini prima in dieci per l’espulsione di Palmieri, poi addirittura in nove nel recupero per il rosso ad Esposito, fino a quel momento il migliore in campo. Ecco le nostre pagelle:

Schaeper 7 – Una sicurezza, non sbaglia un intervento ed è sempre pronto nelle uscite. Nel finale salva il risultato con un riflesso spettacolare.

Schiavi 6 Partita di sacrificio. Lo Shaktar ha tanta corsa e qualità sugli esterni, ma riesce con diligenza a limitare i danni.

Esposito 7Sarebbe da 9 se non fosse per l’espulsione. Padrone dell’area di rigore, personalità da vendere, chiude su tutti i cross e, come spesso accade, vince tutti i contrasti, anche quelli aerei, contro attaccanti molto più alti. Nel recupero, però, l’ingenuità che lascia la squadra in nove e senza il suo miglior difensore nella prossima sfida.

Senese 6,5Affianca egregiamente Esposito, formando una coppia quasi perfetta. Meno appariscente del compagno di reparto, ma la sua prestazione è concreta e senza errori.

Scarf 6Come per Schiavi, gioca principalmente nella metà campo difensiva vista la spinta sugli esterni da parte dello Shaktar. Tiene bene la posizione e argina gli attacchi avversari.

Basit 6Discrete geometrie, pur senza correre troppi rischi. Fallisce una ghiotta occasione sullo 0-1.

Otranto 6,5Leggermente meno brillante rispetto alla prestazione superba offerta contro il Genoa, è comunque ampiamente sopra la sufficienza. Si propone con personalità per andare all’impostazione e nel finale stringe i denti dando man forte ai compagni per difendere il vantaggio.

Micillo 6,5Tanta corsa e buona qualità. Tra i centrocampisti è quello che si propone di più.

Mezzoni 6Partita di quantità per l’ex Carpi. Gli manca ancora lo spunto finale, ma è comprensibile visti i tanti chilometri che percorre (dal 60′ Palmieri 5Passaggio a vuoto per l’eroe della gara con il Genoa. Ammonito quando è ancora in panchina per l’eccessiva esultanza, entra e viene espulso dopo pochi minuti. Niente paura: il ragazzo si rifarà).

Gaetano 7,5In stato di grazia. In un ruolo non suo è comunque devastante e segna un gol meraviglioso. Suo anche l’assist per Zerbin su punizione. E’ il faro offensivo degli azzurri (dall’87’ Sgarbi sv).

Zerbin 6,5Stavolta alla tanta corsa riesce ad abbinare il gol. Generoso come sempre, si fa trovare pronto sulla punizione di Gaetano per riportare subito gli azzurrini avanti dopo il pareggio ucraino (dall’80’ Manzi sv).

Saurini 7Gaetano falso nueve funziona, ed è la mossa che dà imprevedibilità alla squadra. Il mister ripropone così lo schieramento visto dopo il primo tempo contro il Genoa e che aveva scompaginato il match. Squadra in crescita e vittoria convincente contro un avversario di assoluto valore.

© Riproduzione riservata