Una grande Cesport torna al successo superando il Telimar 10-8

di-costanzo

Secondo successo stagionale interno per la Studio Senese Cesport che a Casoria, nell’incontro valevole per la nona giornata del campionato di pallanuoto, serie A2, girone Sud, firma l’impresa superando 10-8 il favorito Telimar e guadagna tre punti che potrebbero rivelarsi fondamentali tanto per una lotta salvezza quantomai equilibrata che per avviare il percorso di risalita di un gruppo in grado di potersela giocare alla pari anche al cospetto delle favorite per il salto di categoria nel momento in cui riesce a trovare la giusta continuità. Le due sconfitte maturate al fotofinish contro la Rari Nantes Salerno e l’Acquachiara nel derby della scorsa settimana avrebbero potuto incidere in maniera molto negativa tanto sul morale che sulle certezze del roster gialloblu che, piuttosto che lasciarsi demoralizzare dagli eventi sfavorevoli, ha però preferito rimettersi a lavorare a testa bassa per trasformare la delusione accumulata in rabbia agonistica da riversare in acqua. Se nelle ultime circostanze il problema era stata la gestione del finale in volata i partenopei hanno ben pensato di risolvere la questione alla base disputando per tre quarti una prestazione stellare nella quale hanno annichilito i più quotati avversari con una difesa ferrea ed un attacco efficace realizzando un vero capolavoro nella parte centrale del confronto quando hanno concesso agli ospiti una sola rete in sedici minuti. Un’analisi imparziale non può prescindere dal considerare la brutta prova dei palermitani apparsi irriconoscibili rispetto alla brillante formazione ammirata fino allo scorso turno salvo riscattare le proporzioni di un’autentica debacle nel finale quando i padroni di casa avevano ormai tirato i remi in barca. Il primo doveroso plauso deve essere rivolto a mister Paolo Iacovelli, in tribuna a soffrire per gli effetti delle due giornate di squalifica inflittegli dopo il rosso di Santa Maria Capua Vetere, che ha allestito fin nei minimi dettagli un perfetto piano tattico che ha minato il funzionamento degl’ingranaggi della macchina allestita da Mustur. Il sodalizio vomerese ha brillato in difesa proteggendo la sua porta attraverso i raddoppi sistematici che hanno propiziato il recupero di numerosi palloni e le braccia ben protese a stoppare in diverse circostanze le conclusioni degli avanti rivali a cui hanno concesso solo tre reti ad uomini pari. L’aggressività difensiva ha poi consentito di orchestrare al meglio lo sviluppo della manovra offensiva, eccellente l’otto su dodici messo a referto con l’uomo in più a proprio favore, anche grazie al contributo di uno scatenato Saviano che oltre a firmare la rete del provvisorio 4-2 ha conquistato la maggior parte delle dodici superiorità numeriche avute a disposizione sfiancando i marcatori avversari in un massacrante lavoro di contenimento. Ad avviso di chi scrive però, in un pomeriggio in cui tutto il collettivo ha offerto una prova di altissimo profilo, l’emblema del successo viene incarnato da Gigi Di Costanzo (nella foto di copertina di Manuel Schembri). Il mancino, top scorer di giornata con due reti insieme a Jacopo Parrella, immagine che sintetizza al meglio la perfetta fusione tra giovani ed esperti, segna le prime reti dei suoi e si fa apprezzare per uno straordinario lavoro difensivo grazie al quale riduce a più miti consigli i diversi giocatori in calottina scura che transitano dalle sue parti.  A mettere la ciliegina sulla torta provvede poi un altrettanto monumentale Pasquale Turiello che risponde sistematicamente picche ai diversi tentativi orchestrati da Migliaccio e compagni. In un campionato altamente equilibrato come quello di quest’anno l’equilibrio rappresenta una chiave di lettura fondamentale e come fino a venerdì non bisognava deprimersi è doveroso ora non lasciarsi prendere da facili entusiasmi ma occorre lavorare per continuare ad innalzare gli standard di rendimento per tutti e trentadue minuti già a partire dal prossimo difficile incontro in programma sabato prossimo a Messina contro il Cus Unime, formazione altrettanto calda dopo il brillante successo colto ieri ad Anzio contro il Latina.