Tanta sofferenza ma alla fine arrivano i tre punti, l’analisi di Napoli-Crotone

Partita infinita quella al Diego Armando Maradona tra Napoli e Crotone, terminata solo grazie alla rete di Di Lorenzo che ha permesso agli azzurri di imporsi definitivamente dopo un duello lungo novanta minuti. Nel primo match di una settimana da incubo il Napoli aveva iniziato con il piede giusto prendendo le redini del match e sbloccando la gara con Insigne. Il capitano, reduce da una buona prestazione con la nazionale, è subito entrato in partita mettendo il suo sigillo e preannunciando un pomeriggio pieno di emozioni. Il suo gol infatti si sarebbe rilevato poi solo il primo di una lunga serie tra Napoli e Crotone. Gattuso per questa sfida ha deciso di optare su Osimhen lì davanti, con Mertens, Politano e Insigne a supporto. A centrocampo la coppia Bakayoko-Fabian ha ancora una volta deluso ed è per questo che, dopo il formidabile recupero del Crotone, Gattuso ha deciso di inserire Elmas al posto dell’ex Milan, apparso fuori forma e con poche energie. Durante il primo tempo il Napoli ha dato spettacolo e anche la sensazione di portare senza problemi a casa il risultato, siglando ben tre reti. Dopo il gol di Insigne infatti,  sono andati a segno anche Oismhen e Mertens; il belga al trentaquattresimo ha risposto alla rete di Simy che ha tentato di accorciare le distanze con una sua perla. Nel secondo tempo però il Napoli visto in campo ha iniziato a vacillare, diventando il peggior nemico di se stesso e subendo la rimonta del Crotone. Di nuovo Simy e poi Messias hanno colpito Meret, gettando nel terrore l’intero ambiente azzurro, passato  dal vincere senza problemi una gara sulla carta facile a sudare e rischiare addirittura i tre punti nel finale. Con uno scatto d’orgoglio e sfruttando anche la stanchezza ddegli avversari, all’ultima curva però gli azzurri sono riusciti a raddrizzare la gara con Di Lorenzo, autore della rete dei tre punti. Con tanta sofferenza il Napoli torna in campo e compie la sua missione, lasciando per strada qualche dubbio di troppo ma riuscendo comunque nell’impresa.

© Riproduzione riservata