Spalletti: “Nessun ripensamento, tiferó Napoli dalla tribuna”

ADV
ADV
ADV
ADV

Al termine del match vinto contro la Sampdoria, l’allenatore del Napoli Luciano Spalletti ha parlato ai microfoni di DAZN: “E’ una roba incredibile. Da questa parte qua si riceve tutta questa felicità, questa passione. Diventa difficile gestirla perchè è troppa. Ma loro sono generosi, bisogna lasciarli esprimere i loro sentimenti. Sembra di essere nel cuore di Napoli che pulsa”.

 

Le lacrime di Udine.

“Basta una volta. Però ti emozionano. Diventa difficile poter essere al suo livello. Noi dobbiamo restituire quello che loro ti danno. Poter dare questo amore che ricevi diventa impossibile”.

 

Un piccolo ripensamento?

“Non si fanno i ripensamenti. Io devo essere fedele a me stesso. E’ una decisione che ho preso. Faccio 10 metri indietro, apro il cancellino e li vedrò in tribuna. Farò il tifo per loro. E io non gufo (ride ndr)”.

 

Che consiglio daresti se a Napoli venisse un amico o un allenatore che rispetti?

“Consigli ad un collega diventa difficile perché ognuno vede il calcio a modo proprio. Gli direi di fidarsi di questi ragazzi, che facciano anche da soli a far scorrere la palla perchè sarà un bel vedere”.