Spal-Napoli, l’analisi

13

Riesce a recuperare nel finale e porta a casa altri tre punti importanti il napoli di Ancelotti che contro la Spal era partito bene ma poi, ad un certo punto, ha staccato la spina. E’ bastaato un attimo alla squadra azzurra per ritrovarsi sullì1-1, un errore della difesa che ha permesso alla Spal su rigore di recuperare la gara. Ma poi con una determinazione e una giocata vincente, Mario Rui ha riportato il Napoli in vantaggio, trascinando la squadra alla vittoria. I partenopei avevano iniziato subito bene la gara, pressando altro e costruendo azioni importanti, ma alla fine, dopo i primi quarantacinque minuti ad alta intensità ma senza nessuna gioia, nella ripresa è arrivata la rete di Allan che ha sbloccato la gara. Il centrocampista è riuscito a superare la difesa della Spal e a insaccare il portiere su assist di Younes, partito dal primo minuto al fianco di Milik, con Mertens e Insigne che invece sono partiti dalla panchina. Con il passare dei minuti però il Napoli ha abbassato il ritmo e calato d’intensità, permettendo ai padroni di casa di alzarsi e di proporsi davanti alla porta difesa da Meret. All’ottantaquattresimo è arrivato l’episodio della svolta per la squadra di Semplici: una distrazione della difesa azzurra è costata il rigore realizzato poi da Petagna che ha riportato la parità in campo. Dopo aver subito il colpo gli azzurri si sono ripresi e hanno sfidato nuovamente la pioggia e il campo pèesante, occupando l’area di rigore della squadra di casa e riuscendo, dopo varie conclusioni, a trovare il gol del sorpasso con Mario Rui. Con questa vittoria il Napoli continua a dimostrare le sue qualità e ha tutte le intenzioni di raggiungere quota ottanta punti per chiudere al meglio questa stagione.