Si riparte dal Parma, il tabù da sfatare per Gattuso

Il Parma, già il Parma: è stato il primo avversario in assoluto per Gattuso versione azzurra. Era il 14 dicembre al San Paolo: pronti-via, papera di Koulibaly (che si stira) e Kulusevski che va a segnare indisturbato. Partita persa e tanti problemi da risolvere nella testa e nelle gambe dei suoi giocatori. – si legge su gazzetta.it, a firma di Maurizio Nicita – Persa anche la partita di ritorno in luglio al Tardini, con ancora Kulusevski protagonista. Per fortuna lo svedese non ci sarà – lo ha comprato la Juve – ma in compenso in panchina ecco Fabio Liverani, un’altra bestia nera per Gattuso che contro il Lecce di Fabio ha perso la sua ultima gara a Fuorigrotta, eravamo in febbraio.

INCANTESIMO DA ROMPERE

—Insomma questa prima trasferta in Emilia non promette nulla di buono, anche perché il Parma è l’unica squadra col quale Gattuso in versione napoletana ha perso due volte su due. Ma al di là delle sue T-shirt nere, Rino sta preparando questa partita per vincerla e partire col piede giusto in campionato. Certo, c’è una rosa da sfoltire e completare, ma il lavoro basato sulla intensità va avanti da oltre tre settimane e tutti a Napoli si augurano che nel mezzogiorno di fuoco del Tardini gli azzurri mostrino la stessa grinta e convinzione del proprio allenatore.