Serie A2, girone Sud: il punto sulla diciassettesima giornata

pescara

Nella giornata in cui si giocano solo cinque delle sei partite in programma ci sembra doveroso rivolgere un affettuoso pensiero agli amici della Rari Nantes Crotone, costretti a rinviare la partita prevista al Foro Italico contro la Roma 2007 Arvalia per le conseguenze di un incidente frontale nel quale, per fortuna, nessun atleta ha riportato gravi conseguenze, che venerdì sera ha coinvolto il bus su cui viaggiava la squadra in un incidente frontale all’altezza di Monterotondo. Sfrutta il fattore campo la Pallanuoto Latina che nello scontro diretto disputato ad Anzio supera nettamente, con il punteggio di 9-5, la Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno e si porta ad un solo punto dalla capolista. Padroni di casa in controllo della sfida fin dalle prime battute e in vantaggio per 9-4 all’ultima sirena prima della rete conclusiva siglata da Parrilli. Nessun dramma in casa salernitana a patto però che la squadra di Citro si aggiudichi il recupero in programma il prossimo quindici maggio per conservare il margine di vantaggio sulla più diretta inseguitrice. Nell’altro incontro di cartello il Pescara(nella foto di copertina di Giampiero Lattanzio) compie un significativo passo in avanti per la conquista di un posto nei playoff promozione grazie all’11-9 con cui supera a Palermo il Telimar. A decidere le sorti del confronto il break di 4-1 che gli abruzzesi, trascinati dal poker di uno straripante Calcaterra, mettono a segno nel periodo conclusivo dopo che Migliaccio aveva portato i suoi in vantaggio al termine di tre tempi in cui l’equilibrio regnava sovrano. La seconda sconfitta consecutiva fa scattare il campanello d’allarme per gli uomini di Mustur che per la prima volta si ritrovano fuori dalle posizioni che garantiscono l’accesso agli spareggi promozione. La società del presidente Giliberti corre subito ai ripari, rescinde consensualmente il contratto con il tecnico montenegrino e richiama in panchina Quartuccio, tecnico della formazione Under 17. Non pesa la settimana di sosta forzata per il Cus Unime che supera 12-10 una Carpisa Yamamay Acquachiara che gioca a viso aperto contro i più quotati avversari e prosegue la sua corsa nella lotta per le posizioni di vertice. I partenopei reagiscono ad un approccio sicuramente non positivo, rientrano in gara e nell’ultimo quarto hanno la possibilità di tornare sul meno ma uno ma Briganti perde il controllo della palla mentre si accinge al tiro dai cinque metri. L’implacabile legge dello sport fa il suo corso e sull’azione successiva i siciliani trovano il nuovo più tre che chiude la contesa. Seconda affermazione consecutiva per la Studio Senese Cesport che a Casoria supera 11-7 la Copral Muri Antichi Catania e porta a quattro le lunghezze di vantaggio sulla zona playout. I partenopei rimontano la rete iniziale siglata da Calarco, unico vantaggio per gli ospiti, e vanno via in scioltezza con il trascorrere dei minuti grazie al break di 4-0 messo a segno tra la seconda e l’inizio della terza frazione. Ottime le percentuali registrate sia in superiorità che in inferiorità numerica. Il devastante cinque a zero messo a segno nel secondo parziale consente alla Roma Vis Nova di orientare a proprio favore il confronto disputato alla piscina Vitale contro la Tgroup Arechi. In capitolini mandano a segno ben otto giocatori diversi e portano a casa una vittoria che gli consente di portarsi a due punti di distanza dal quarto posto.