Serie A: la presentazione della trentasettesima giornata

26

Centottanta febbrili minuti da vivere tutti d’un fiato per trovare il giusto coronamento a nove mesi di duro lavoro quotidiano. Mancano solo due giornate al termine del campionato di serie A e sono ancora numerose le squadre in lotta sui diversi fronti che la classifica tiene aperti. L’Udinese insegue il secondo successo consecutivo per tenere a distanza le più dirette inseguitrici e per farlo dovrà capitalizzare il fattore campo nell’incrocio della Dacia Arena con una Spal che, pur reduce da un ottimo periodo di forma, non ha più nulla da chiedere alla competizione. Si preannuncia rovente l’atmosfera al Luigi Ferraris, teatro della sfida salvezza tra Genoa e Cagliari. Obbligo di vittoria per i padroni di casa che devono difendere la sola lunghezza di vantaggio sulla terzultima piazza mentre i sardi con un risultato positivo potrebbero acquisire la matematica certezza della permanenza in massima serie. Dopo aver superato la capolista nel posticipo della scorsa domenica la Roma non può esimersi dal violare Reggio Emilia per alimentare le residue ambizioni di entrare tra le prime quattro ma per riuscirci dovrà avere ragione di un Sassuolo che, pur salvo da tempo, gioca sempre la sua partita e riesce spesso a mettere in difficoltà avversari sulla carta molto più attrezzati. Non offre significativi motivi d’interesse il duello domenicale dell’ora di pranzo tra il fanalino di coda Chievo e la Sampdoria se non l’ulteriore vetrina per i giovani che il club gialloblu testa in vista della prossima cadetteria e la ricerca del gol per Quagliarella, ormai vicino al titolo di capocannoniere. Il Tardini apre le porte per la sfida tra due formazioni in caduta libera, Parma e Fiorentina, entrambe bisognose di punti per blindare una salvezza che poteva sembrare acquisita da tempo ed è ora nuovamente in discussione. Sembra lecito attendersi novanta minuti senza esclusione di colpi al Castellani tra Empoli e Torino, costrette a battagliare alla ricerca di un’affermazione indispensabile per i rispettivi percorsi. Un solo risultato a disposizione per il Milan che, nell’ultimo impegno casalingo dell’annata, chiama a raccolta i tifosi per superare il Frosinone a San Siro e sperare poi in un passo falso delle dirette rivali, attese dall’incrocio con le prime della classe. Il Napoli, già certo del secondo posto e della qualificazione in coppa, punta a chiudere al meglio davanti al pubblico amico per avvicinarsi ulteriormente a quota ottanta. Gli azzurri ricevono al San Paolo l’Inter, a cui un successo garantirebbe la certezza matematica dell’accesso al tabellone principale della prossima Champions League. Archiviata la delusione per la sconfitta nella finale di coppa Italia l’Atalanta affronta a Torino la Juventus, consapevole che infliggere la prima sconfitta interna stagionale alla capolista, evidente il calo di rendimento dei bianconeri dopo la vittoria del tricolore,blinderebbe l’accesso alla prossima edizione del principale torneo continentale. La vittoria in coppa Italia garantisce alla Lazio l’ingresso nella fase a gironi della prossima Europa League. I biancocelesti vogliono chiudere nel migliore dei modi l’annata davanti al pubblico amico nella sfida con il Bologna a cui un punto garantirebbe la certezza matematica della permanenza in serie A.