Serie A: il punto sull’ottava giornata

punto-serie-a

Nell’anticipo del venerdì sera il Torino ottiene gli attesi tre punti ma deve soffrire più del previsto per alzare le braccia al cielo contro il Frosinone. I granata scappano sul 2-0 con Rincon e Baselli, subiscono la rimonta ospite( prime reti in trasferta per i laziali) e devono ringraziare Berenguer, autore della conclusione a fil di palo che sancisce il 3-2 finale. I colpi di testa di Joao Pedro e Pavoletti, entrambi innescati dalle giocate dell’argentino Castro, schierato per l’occasione trequartista da Maran, decretano il 2-0 grazie al quale il Cagliari batte il Bologna ottenendo così la prima vittoria interna; felsinei ancora fermi a zero gol all’attivo fuori casa. Continua inarrestabile la marcia della Juventus che espugna 2-0 la Dacia Arena grazie alle marcature di Betancur e Cristiano Ronaldo, quarta in A per il portoghese, e inanella così la decima vittoria consecutiva in tutte le competizioni dall’inizio dell’annata. I bianconeri godono di uno stato di eccellente condizione atletica e di una marcata superiorità tanto tecnica quanto tattica che gli permette di vincere le resistenze rivali senza eccessivi sforzi. L’imperioso stacco di testa di Nzonzi e il graffio di Dzeko timbrano il successo della Roma ad Empoli; i toscani, dal canto loro, possono recriminare per il rigore calciato alle stelle da Caputo. Nel lunch match il Parma firma il colpaccio superando in rimonta il Genoa, fin qui imbattuto al Ferraris. I gialloblu, privi per l’occasione del tandem Gervinho - Inglese ribaltano lo svantaggio iniziale firmato da Piatek, nono centro per il polacco, con Ceravolo, Siligardi e Rigoni. Per la prima volta in stagione il Milan vince due partite di fila. I rossoneri sfruttano al meglio la giornata di grazia di Higuain, splendido il movimento del centravanti argentino sull’assist che gli consente di siglare la doppietta personale,per regolare 3-1 il Chievo, fanalino di coda del torneo ancora fermo a meno uno. Il gol realizzato da Immobile consente alla Lazio di piegare la Fiorentina per 1-0 , risultato che rimette in carreggiata i biancocelesti dopo le due pesanti battute d’arresto incassate contro Roma ed Eintracht Francoforte. Continua l’altalenante torneo dei viola, tanto inarrestabili al Franchi quanto discontinui lontano dalle mura amiche. Il colpo di testa di Tonelli, difensore con il vizio del gol,spinge in alto la Sampdoria e accentua la crisi dell’Atalanta, a digiuno di vittorie dalla prima giornata. Continua, immacolato, il percorso del Napoli tra le mura amiche. Gli azzurri vincono, quarta affermazione consecutiva e terzo clean sheat al San Paolo, 2-0 contro il Sassuolo ma devono soffrire più del previsto nella ripresa. La giocata di Ounas apre le danze dopo tre minuti, il destro a giro sotto l’incrocio scoccato da Insigne, il numero ventiquattro sale così a quota sei nella graduatoria dei bomber, la chiude ma è doveroso menzionare tra i protagonisti di giornata Ospina che blinda la sua porta con quattro interventi decisivi. Sfida ad alta intensità nel posticipo serale tra Spal ed Inter che i nerazzurri si aggiudicano grazie al sigillo apposto da Icardi nel finale. Il risultato proietta gli uomini di Spalletti al terzo posto mentre condanna al quarto ko consecutivo gli emiliani che recriminano per il rigore calciato fuori da Antenucci.