Serie A: il punto sulla diciannovesima giornata

23

Il campionato di serie A, edizione 2018-19, archivia la prima fase e si ferma ora per la sosta fino al prossimo diciannove gennaio, data fissata per la disputa degli anticipi del ventesimo turno. Diverse squadre anticiperanno però la ripresa di una settimana per sfidarsi nei confronti valevoli per gli ottavi di finale di coppa Italia. Il sofferto successo sulla Sampdoria, ottima la prova del blucerchiati che confermano di meritare appieno l’attuale classifica, completa l’impressionante girone d’andata della Juventus. I bianconeri guidano la classifica con nove punti di vantaggio sulla seconda, mettono a referto diciassette vittorie su diciannove partite giocate, vantano la miglior difesa e il secondo miglior attacco ad un solo gol dall’Atalanta. La doppietta realizzata da Ronaldo per fissare il 2-1 sull’undici doriano consente al portoghese di volare in testa alla classifica marcatori con quattordici gol e di completare così la straripante dimostrazione di forza dell’undici di Allegri. Il Napoli supera 3-2 il Bologna, reagisce alla sconfitta del boxing day incamerando un successo prezioso per consolidare il secondo posto ma non può certo ritenersi soddisfatto della prestazione offerta. La squadra non si esprime sugli abituali standard di rendimento, paga a caro prezzo le assenze, soprattutto quelle di Hamsik e Koulibaly, e deve ringraziare i suoi bomber. Il proiettile a fil di palo scagliato da Dries Mertens a due minuti dalla fine fa esplodere il San Paolo e pone riparo ai clamorosi errori della retroguardia sulle reti avversarie che avevano dilapidato le due marcature con cui Milik taglia il traguardo della doppia cifra. La girata vincente e il salvataggio sulla linea di porta eleggono Keita come protagonista assoluto dell’1-0 grazie al quale l’Inter espugna il Castellani infliggendo la quarta sconfitta consecutiva e tiene il passo dei partenopei. Il siluro all’incrocio grazie al quale MilinkovicSavic riacciuffa l’1-1 contro il Torino permette alla Lazio di conservare il quarto posto ma i biancocelesti vedono assottigliarsi il vantaggio in virtù dei successi delle dirette rivali. Il Milan conquista l’intera posta in palio dopo quattro partite e torna al gol rimontando la rete iniziale di Petagna con Castillejo e Higuain. Il colpo di testa di Cristante e la conclusione di Under griffano il 2-0 con cui la Roma regola il Parma e si porta a due lunghezze dalla zona Champions. Regala spettacolo l’Atalanta che al Mapei Stadium supera 6-2 il Sassuolo dilagando nel finale grazie ad Ilicic, unico giocatore nel torneo ad aver messo a referto due triplette. Gli orobici conquistano così il primato di miglior attacco del torneo e promettono di essere tra le assolute protagoniste della seconda fase. Termina a reti bianche la sfida tra Genoa e Fiorentina mentre in zona salvezza Udinese e Chievo colgono due affermazioni di capitale importanza.