Scanavino: “Giuntoli? Ha un contratto con il Napoli”

ADV
ADV
ADV
ADV

Il direttore generale della Juventus ha risposto a una domanda su Cristiano Giuntoli, direttore sportivo sottocontratto con il Napoli sino al 30 giugno 2024. Maurizio Scanavino così a Sky Sport. Giuntoli? Ha un contratto con il Napoli ancora per un anno, non mi sembra corretto commentare ulteriormente. Dobbiamo procedere rapidamente verso il futuro lasciandoci alle spalle questi momenti di incertezza. Situazioni e scenari non consolidati non sono alla nostra valutazione in questo momento”.

“Allegri non è mai stato in discussione, con lui c’è totale condivisione di tutti gli scenari futuri, dal mercato, alla parte sportiva, al quadro ecomomico-finanziario della società. Con Allegri abbiamo incontri e contatti quotidiani da sempre. In questi mesi abbiamo attraversato insieme questa bufera, il nostro rapporto si è consolidato in tempi molto rapidi. Non sono mancati momenti di confronto, anche accesi in alcuni casi, ma con critica costruttiva e autocritica. Con la volontà di fare il meglio per i giocatori e la società. Nella bufera che abbiamo vissuto abbiamo operato bene, non solo dal punto di vista delle performance sul campo, che magari in alcune occasioni potevano essere migliori; ma che alla fine hanno portato a un terzo posto sul campo e ad essere ad un passo dalle finali nelle due competizioni. L’inizio di stagione non è stato eccellente, e nel finale di stagione c’è stato il crollo legato a questioni psicologiche”.

Cosa si sente di dire alla tifoseria juventina?
“Comprendiamo il malumore dei tifosi, sicuramente anche loro sono stati sulla nostra stessa barca. Hanno avuto anche loro un’altalena emotiva significativa. La Juve arriva da momenti straordinari e questa situazione non ci ha aiutato ad avere i risultati che avremmo voluto avere. Futuro? Bisogna avere i piedi per terra. Anche con questa conferma non necessaria di Allegri abbiamo messo punti fermi: lui è la persona più adatta a darci continuità sul piano sportivo, ma ci sono ancora aspetti da risolvere e alcune componenti economiche-finanziarie non sono facili da gestire. Massima umiltà, massimo impegno e totale autocritica che ci possa portare a una rotta migliore sul piano dei risultati sul campo e anche esprimendo un gioco migliore, anche se nell’ultima fase c’è stata la difficoltà extra-campo”.

Il mercato chi lo farà?
“Due giorni dopo la mia nomina ci siamo trovati con 15 punti di penalità e l’inibizione di Cherubini. In quel momento abbiamo creato un gruppo di lavoro con Calvo e la promozione di Manna che ha lavorato molto bene. Giovanni ha dimostrato di avere grandi capacità: lui prenderà in mano al 100 percento le fasi di mercato che ci aspettano nei prossimi mesi. Lasciando a Calvo la parte manageriale”.

Alcuni calciatori sono in scadenza: Come dicevo l’obiettivo è di creare un’organizzazione molto chiara con ruoli e responsabilità definite. L’abbiamo già fatto in questa fase qua con le figure apicali e a questa domanda dovrà rispondere Manna”.