Sarri out per due turni: “Atteggiamento intimidatorio ed espressioni blasfeme”

Due giornate di squalifica: è questa la sanzione decisa dal giudice sportivo nei confronti di Maurizio Sarri, unico tesserato di Serie A fermato in vista della quarta giornata di campionato. Subito dopo il fischio finale della gara di San Siro persa contro il Milan (match valido per la terza giornata di campionato), l’allenatore della Lazio è stato espulso dall’arbitro dopo il battibecco avuto con Alexis Saelemaekers.

“Atteggiamento intimidatorio ed espressioni blasfeme”

Un comportamento che è costato a Maurizio Sarri due giornate di squalifica “per avere, al termine della gara, sul terreno di gioco, cercato uno scontro verbale con un calciatore della squadra avversaria, assumendo un atteggiamento intimidatorio e inveendo contro il medesimo con parole minacciose (prima giornata); nonché successivamente al provvedimento di espulsione, per avere, nel tunnel che adduce agli spogliatoi, contestato la decisione arbitrale proferendo espressioni blasfeme (seconda giornata)”, come si legge nel comunicato diramato dalla Lega Serie A.

© Riproduzione riservata