Rudi Garcia: “Quando i calciatori saranno stanchi dovranno guardare il tricolore”

ADV
ADV

Il tecnico del Napoli Rudi Garcia, ha rilasciato l’intervista post partita ai microfoni di Dazn, dopo la vittoria sul Sassuolo.

La rabbia di Osimhen all’uscita. “Ha ragione. L’obiettivo non era solo vincere: non abbiamo preso gol, abbiamo giocato bene, ma potevamo fare meglio anche sul piano offensivo. Per segnare di più dobbiamo prendere la porta e stasera siamo stati molto imprecisi. Dal minuto 30 al minuto 45 abbiamo lasciato troppo la palla al Sassuolo. Peccato per Raspadori: dispiace per il palo, mentre il rigore lo hanno sbagliato tutti i grandi calciatori almeno una volta”.

 

Su Natan: “Natan ha bisogno di tempo, deve imparare il nostro calcio e la lingua, deve inseirsi. Lo vedo meno timido. Tra Juan Jesus e Ostigard ho scelto l’esperienza del primo, ha risposto benissimo nelle prime due partite, è un leader di questa squadra”.

Rigore lasciato a Raspadori: “Assolutamente sì, è stato un gran bel gesto di Victor”.

Il ruolo di Raspadori e condizione di Kvara: “Raspadori può giocare nei tre dietro la punta: può fare tutti i ruoli davanti. E sono sicuro che segnerà e farà tanti assist. Va sfruttato, sono contento di lui perché lavora tanto anche per la squadra. Kvara ha avuto una preparazione molto spezzettata, saltando 12 giorni di allenamento. Era meglio per lui entrare in corsa quando erano stanchi gli avversari”.

 

Lo scudetto sulla maglia: “Ai calciatori ho detto: un giorno che sarete stanchi, abbassate la testa e guardate il tricolore. È una spinta, un onore: vogliamo difenderlo al meglio, come fatto nelle prime due giornate”.