Rose verso il Wolfsburg

rose

Marco Rose, prossimo avversario del Napoli, con il suo Salisburgo, potrebbe lasciare la Tipico Bundesliga austriaca per trasferirsi in Germania. Bruno Labbadia lasceràil Wolfsburg al termine della stagione agonistica. Lo ha spiegato nelle ultime ore il cinquantatrenne trainer che è stato l’artefice princiope della scorsa e “miracolosa” salvezza, di rimonta. Come potenziale successore di Labbadia l’allenatore di Salisburgo è considerato in pole position sul mister del Lask Linz. Oliver Glasner. Il Wolfsburg nel destino, insomma, come ulteriore trampolino di lancio, per l’allenatore della classe ’76, che la momento resta il tecnico più giovane ad aver centrato una semifinale d’Europa League, dop l’exploit della scorsa edizione, eliminando la Lazio di Simone Inzaghi, di rimonta. Di origine italiana, ma tedesco a tutti gli efetti, quindi potrebbe tornare in patria, dopo la grande scalata nei campioni d’Austria, partendo dalle giovanili (con U-16, U-18, U-19 e i professionisti). Da calciatore giocava come terzino sinistro, e ha vestito le maglie di Lipsia, Hannover e Mainz. In quest’ultimo club ha iniziato la sua avventura da allenatore-giocatore, a 31 anni, nella squadra B. Nel 2012 scende in quinta divisione sulla panchina del Lokomotive Lipsia, suo club ai tempi delle giovanili da giocatore, e che porta alla promozione in Regionalliga nel primo anno da tecnico. Viene poi notato dai dirigenti del Salisburgo, che gli affidano la guida delle giovanili. Rose parte dall’Under 16 e in quattro anni arriva fino all’Under 19, con cui conquista l’Uefa Youth League 2016-2017, e campionato austriaco di categoria. Dal luglio 2017 ha sostituito Oscar Garcia sulla panchina della prima squadra, vincendo il campionato, oltra al raggiungimento sella semifinale d’Europa League (Salisburgo eliminato dal Marsiglia).