Ronga: “Osimhen, ecco cos’ha avuto: lo terrei a riposo, non bisogna rischiarlo così presto”

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Bruno Ronga, Direttore U.O.C. di Neurologia-Stroke Unit Azienda Ospedali dei Colli P.O. C.T.O: “Non so il risultato degli accertamenti fatti ad Osimhen, pare che stia bene, che sia sveglio e che può già rientrare a Napoli. Ciò che ho visto è che ha rotolato e ha battuto la testa avendo un trauma cranico che gli ha fatto perdere i sensi. Lui ha avuto la forza di riprendersi, ma il trauma non si era risanato del tutto, pertanto in ambulanza è svenuto nuovamente. Oshimen non ricorda nulla per un’amnesia retrograda: ha avuto una letterale sospensione di coscienza. Non è grave, credo si riprenderà e starà bene, farei un elettroencefalogramma ed una risonanza magnetica: con la negatività di entrambe, può tornare in campo a segnare. C’è ancora un problema: io farei anche una visita cardiologica, nonostante i calciatori ne facciano di continuo, anche il giocatore della Fiorentina, Astori, ha avuto un problema improvviso. A Napoli ci sono molti specialisti che lo sapranno curare al meglio. Con le nuove attrezzature, gli accertamenti si possono fare in breve tempo, ma gli consiglierei di stare a riposo e non giocare. Lui è giovanissimo, più sta fermo peggio è, un allenamento con cautela può farlo. Di certo non lo stresserei. La crisi vagale di Dziczek? È una sensazione di svenimento che finisce sul sistema neurovegetativo, vanno studiate bene ed approfondite”.

© Riproduzione riservata