Primavera, la cronaca di Cagliari-Napoli

15

Emozioni, agonismo e pareggio finale (1-1). Traverse, pali, alla Primavera del Napoli è mancata solo la rete per espugnare il campo del Cagliari. Ottima performance di squadra per gli azzurrini, che non hanno subito il grande caldo cagliaritano. L’equilibrio regna sovrano sino al ventesimo, quando c’è il botta e risposta dell’1-1 iniziale. Splendido il cross di Karim Zedadka che pesca in area cagliaritana Lovisa che realizza il suo primo gol nel Napoli, con un terzo tempo imparabile. Il vantaggio siglato dall’ex Pordenone dura pochissio. Trascorre nemmeno un giro di lancette e i padroni di casa pareggiono con Marigosu che approfitta di una dormita generale della retroguardia dei partenopei. I ragazzi del mister Roberto Baronio inizialmente accusano il colpo e al 28′ rischiano anche di subire la seconda realizzazione: è provvidenziale il salvataggio di Zanoli, con Idasiak battutto. Riprende a seguire il controllo del match da parte degli ospiti in azzurro. In pieno recupero della prima frazione di gioco si registrano, poi, due grandi chance per il Napoli. Da azione d’angolo Lovisa salta più in alto di tutti ma schiaccia a lato. Dopo trenta secondi in azione di transazione Mezzoni serve Palmieri, con affanno la retroguardia caglairitana libera sul bomber di Capodimonte, ma Ciro poteva fare molto di più. La ripresa parte con il caldo sardo che influisce sulla performance delle due squadre: il primo lampo della seconda frazione di gioco è tuttavia di marca partenopea. La punizione di Gaetano è velenosa ma centrale, così blocca senza tanti affanni l’estremo difesore dei locali Riccardo Daga (il migliore dei suoi). Al 5′ il portiere della classe 2000 si supera con un doppio impegno. Prima è super sul tiro cross di Zedadka smanacciando la conclusione sulla traversa, e poi sul destro da distanza ravvicinata di Francesco Mezzoni. La palla, infine, passa tra i funambolici piedi del “meraviglioso” Gianluca Gaetano però Kouadio è abile nel fare muro sul talento di Cimitile. Mister Max Canzi al 53′ perde per infortunio l’ex Pordenone Alessandro Peressutti, con Salvatore Boccia che così entra in scena. Avrà tanto lavoro dalla sua per la verve azzurrina. Al 57′ c’è da annottare una ottima e pronta uscita del portiere polacco della classe 2002 Hubert Idasiak, e un pregevole intervento a seguire smanacciando la sfera in corner. Gaetano cerca di accendersi ma non trova tanti spazi, e su punizione al numero 10 di Baronio manca mira e freddezza.  I padroni di casa, inoltre, con Gaetano spesso usano le maniere forti. Minuto 73′, cambi per il Napoli. Dentro l’attaccante del’98 Antonio Negro per Ciro Palmieri che ha speso tanto, battendosi e lavorando per la squadra, anche  se ha sciupato una ghiotta possibilità a fine primo tempo. E a centrocampo c’è Valerio Labriola per Mezzoni.  Il prospetto di Ercolano entra imemdiatamente in partita inenscando prima Gaetano e poi Negro. Ma gli avanti azzurrini non colgono l’attimo. Incrdibile all’87‘: Labriola crea scompiglio e poi scarica per Gaetano che in tap-in colpisce il palo a portiere battuto. A seguire Gaetano colpisce di destro ma centrale, sul portiere Daga. Continua poi la girandola dei cambi, con il Napoli che ai  punti avrebbe meritato il successo, ma non è riuscito a scardinare la difesa locale. Con l’1-1 in terra sarda il Napoli è virtualmente salvo, senza passare dal play out, in attesa della arimetica, mentre i rossoblu restano in corsa per il sesto posto, ultimo utile per la post season. Nelle ultime due partite della regular season, intanto, il Napoli ospiterà la Fiorentina, nel prossimo turno, per chiudere l’annata a Vinovo, sul campo della Juve dell’ex difensore azzurro Francesco Baldini. 

Cagliari-Napoli 1-1

Reti: 21′ Lovisa, 22′ Marigosu

CAGLIARI (4-3-1-2): Daga 7, Kouadio 6 (81′ Porru sv), Marongiu 6 (57′ Aly 5,5), Peressutti 6 (53′ Boccia 5,5), Cadili 6; Lella 6, Carboni 6, Lombardi 6; Marigosu 5,5 (80′ Gagliano sv); Contini 5,5, Doratiotto 5,5. A disposizione: Cabras, Pici, Kanyamuna, Albini, Acella, Degosus, Ciocci. Allenatore: Canzi 6

NAPOLI (3-5-2): Idasiak 6,5; Zanoli 6, Esposito 6,5, Manzi 6,5; Mezzoni 6 (’73 Labriola 7), Zanon 6 (86′ Perini sv), Mamas 6,5, Lovisa 7, Zedadka 7 (91′ Senese); Gaetano 7, Palmieri 6 (73′ Negro 6). A disposizione: D’Andrea, D’Alessandro, Micillo, Sgarbi, Saporetti. Allenatore: Baronio 7

Arbitro: Giuseppe Repace della sezione di Perugia 6,5

Assistenti: Marco Ceccon di Lovere e Veronica Martinelli di Seregno.

Note: minuti di recupero, 2 nel primo tempo, 5 per la seconda frazione di gioco, più uno aggiuntivo. Ammonit: Contini al 58′, Marigosu all’80. Manzi al 92′. Sugli spalti anche i rappresentanti del Club Napoli Cagliari con il loro stendardo a rappresentarli.