Primavera 2, i requisiti per i campi di gioco

CAMPIONATO PRIMAVERA 2 2020/2021
REQUISITI CAMPI DI GIOCO
1) TERRENO DI GIOCO
Tutte le Società partecipanti al Campionato Primavera 2 2020/2021 devono obbligatoriamente
disporre di due campi di gioco (uno principale e uno sussidiario), di cui uno dei due deve
sempre essere a disposizione: entrambi i campi devono essere strutture effettivamente
disponibili e utilizzabili, non indicate solo formalmente.
In caso di accertata e giustificata indisponibilità di entrambi i campi di gioco indicati, durante il
corso della stagione sportiva, le Società sono tenute a individuare un ulteriore impianto
sportivo rispondente ai requisiti previsti, previa informazione e richiesta a mezzo e-mail alla
LNPB (agli indirizzi competizioni@legab.it e alessandro.camponeschi@legab.it), con successiva
trasmissione della documentazione relativa, entro le ore 24.00 del martedì precedente la gara.
Il terreno di gioco deve essere rettangolare, dotato di superficie in erba naturale o artificiale.
Le dimensioni minime sono di mt. 100 x 60.
Per ciascuno è necessario trasmettere a mezzo e-mail alla LNPB (agli indirizzi
competizioni@legab.it e alessandro.camponeschi@legab.it), entro il 21 settembre, i seguenti
documenti in corso di validità o, al massimo, non più vecchi di 5 anni:
 verbale di omologazione;
 certificazione FIFA o LND (solo per i terreni di gioco in erba artificiale).
Lungo il perimetro del terreno di gioco deve essere prevista una fascia larga mt. 1,50,
complanare con il terreno stesso, priva di asperità e di ostacoli, denominata “campo per
destinazione”.
Il terreno di gioco e il campo per destinazione devono essere:
 dotati di superficie piana e regolare;
 di colore verde;
 in ottime condizioni;
 dotati di un idoneo sistema di drenaggio;
 dotati di idoneo sistema di irrigazione che garantisca la maggiore uniformità possibile nella
distribuzione dell’acqua.
Il terreno di gioco deve essere segnato con linee visibili, la cui larghezza deve essere compresa
tra cm. 10 e 12. Le linee possono essere tracciate con gesso o altro materiale non nocivo,
purché ben visibili, e devono essere realizzate mantenendo la linearità della superficie del
campo.
La distanza minima degli ostacoli fissi (es. muretti, ringhiere, pannelli pubblicitari, etc.) dal
terreno di gioco deve essere di mt. 2,50 dalle linee laterali e di mt. 3,50 dalle linee di porta.
Solo in caso di limitazioni strutturali non eliminabili, è tollerata la riduzione della distanza dalle
linee di porta sino ad un minimo di mt. 2,50.
Ove possibile, deve essere prevista un’apposita area per il riscaldamento dei calciatori durante
la partita, lungo le linee laterali oppure predisposta dietro le porte, alle spalle eventualmente
dei pannelli pubblicitari. In caso contrario, il riscaldamento dei calciatori avverrà lungo le linee
laterali del terreno di gioco.
E’ fatto obbligo alle Società di garantire la perfetta efficienza dei campi di gioco e in particolare
a mantenere condizioni di uniforme inerbimento e complanarità del terreno per tutta la durata
della stagione sportiva. Altresì, è fatto obbligo alle Società di provvedere allo sgombero della
neve fino a 24 ore prima dell’orario ufficiale previsto per l’inizio della gara.
2) PORTE E BANDIERINE D’ANGOLO
Per le caratteristiche delle porte e delle bandierine d’angolo si veda l’Allegato A del Sistema
Licenze Nazionali 2019/2020 LNPB (Criteri Infrastrutturali), artt. 4 e 5.
3) PANCHINE
Ai bordi del terreno di gioco, alla distanza minima di mt. 2,50 dalla linea laterale e ubicate
indicativamente a mt. 5,00 a sinistra e a destra dalla linea mediana, devono essere installate
le due panchine, adeguatamente coperte, che devono essere provviste di protezione, eseguita
nel modo ritenuto più opportuno, purché idonea a proteggere sia verso l’alto che sui lati e alle
spalle.
I materiali della tettoia di protezione delle panchine non devono essere pericolosi per gli
occupanti e, in particolare, le sporgenze della copertura devono essere protette al fine di
salvaguardare l’incolumità dei partecipanti al gioco.
L’area tecnica, ovvero la superficie all’interno della quale l’allenatore può muoversi liberamente
per dare istruzioni ai calciatori, deve essere delimitata con apposite linee di segnatura
tratteggiata attorno alla panchina, a mt. 1,00 ad ogni lato della stessa e in avanti fino a mt.
1,00 dalla linea laterale.
La panchina aggiuntiva, di cui all’art. 66, comma 1 bis, delle N.O.I.F., deve essere una
struttura diversa, separata da quella per tecnici e calciatori.
4) PANNELLI PUBBLICITARI
I pannelli pubblicitari, se presenti, devono essere conformi alle seguenti indicazioni:
 la posizione, la forma, i materiali utilizzati e le modalità di installazione non devono costituire
un pericolo per l’incolumità dei calciatori, degli ufficiali di gara e degli addetti ai lavori;
 i pannelli devono avere un’altezza massima di mt. 1,20 e comunque tale da non ostacolare la
visibilità del terreno di gioco da parte degli spettatori retrostanti;
 i tabelloni con meccanismo rotativo o LED munito di impianto elettrico, devono essere
alimentati in bassa tensione nel rispetto delle vigenti norme in materia.
5) IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE
E’ vivamente consigliata (almeno per uno dei due campi di gioco) la presenza dell’impianto di
illuminazione, soprattutto in caso di programmazione televisiva di gare.
6) RECINZIONE ESTERNA
Il campo deve essere fornito di recinzione esterna, in muratura o altro sistema, purché non
abbattibile né scavalcabile, di altezza pari ad almeno mt. 2,50 lungo tutto il perimetro
dell’impianto.
7) RECINZIONE INTERNA
Il terreno di gioco deve essere recintato e protetto, dalla parte degli spettatori, con rete
metallica sostenuta da profilati in ferro dell’altezza minima di mt. 2,20, in buono stato di
conservazione, senza buchi o danneggiamenti che possano favorire lo scavalcamento o la
penetrazione.
Per gli impianti sportivi “senza barriere” è necessario depositare a mezzo e-mail alla LNPB (agli
indirizzi competizioni@legab.it e alessandro.camponeschi@legab.it) copia del parere favorevole
all’utilizzo, rilasciata dalle autorità competenti, in conformità alla Determinazione
dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive n. 28/2010 del 17 giugno 2010 e alle
relative linee guida ad essa allegate.
8) PASSAGGIO CARRABILE ALL’AREA DI GIOCO
Deve essere previsto almeno un varco nella recinzione interna per l’accesso diretto all’area di
gioco dei veicoli in servizio d’urgenza e dei mezzi per la manutenzione.
9) ACCESSI INDIPENDENTI
L’ingresso degli ufficiali di gara e dei calciatori deve essere reso indipendente, anche con
accorgimenti provvisori durante le gare, senza interessare la zona percorsa dal pubblico,
dall’esterno del campo sportivo agli spogliatoi e da questi al terreno di gioco, in modo che gli
ufficiali di gara e gli atleti abbiano tutte le garanzie e le protezioni idonee per la loro
incolumità.
Il percorso che dagli spogliatoi conduce al campo di gioco deve essere dotato di
pavimentazione antiscivolo. Pubblico e stampa non devono avere alcuna possibilità di accesso
a tale percorso.
10) SPOGLIATOI E SERVIZI RELATIVI
I locali adibiti a spogliatoi devono essere nel numero di vani sufficienti, idonei e rispondenti a
tutte le norme igienico-sanitarie, con servizi separati (docce e WC), per squadre e ufficiali di
gara. Deve essere previsto uno spogliatoio per ogni squadra e due per gli ufficiali di gara,
distinti per sesso. I servizi igienici devono essere provvisti di sapone e carta igienica.
Tutti i suddetti locali devono avere adeguata illuminazione, sufficiente ricambio d’aria e
riscaldamento. Devono inoltre essere dotati di pavimentazione antiscivolo, nonché di
armadietti, panche, ecc. in quantità commisurata al numero degli utenti cui sono destinati
(atleti, tecnici e ufficiali di gara). Le porte degli spogliatoi devono essere in buono stato e
munite di adeguate serrature di sicurezza, tutte regolarmente funzionanti.
11) INFERMERIA PER GIOCATORI E UFFICIALI DI GARA
Deve essere allestita, anche provvisoriamente, un’infermeria annessa all’area degli spogliatoi,
igienicamente idonea e adeguatamente areata.
Detto locale deve essere arredato con un lettino medico, un armadietto, un tavolino e almeno
due sedie. Deve inoltre essere dotato di impianto di illuminazione, riscaldamento e lavandino
con acqua corrente, nonché dell’attrezzatura medica indispensabile.
12) AMBULANZA E DEFIBRILLATORE
In tutte le gare le Società ospitanti devono garantire la presenza:
 di almeno un’ambulanza, con personale sanitario specializzato, con le seguenti specifiche:
– pre-gara: si richiede che sia a disposizione nel luogo della partita 60 minuti prima dell’inizio
della stessa e comunque entro l’inizio del riscaldamento di calciatori e degli ufficiali di gara;
– post-gara: si richiede che rimanga a disposizione nel luogo della partita fino a quando
calciatori e ufficiali di gara non abbiano lasciato il luogo della partita e comunque almeno 60
minuti dopo la fine della stessa.
 di un defibrillatore, regolarmente funzionante, e di una persona debitamente formata
all’utilizzo del dispositivo, eventualmente coincidente con il personale sanitario di cui sopra.
13) LOCALE ANTIDOPING
Deve essere allestito, anche provvisoriamente, un locale antidoping situato nelle vicinanze
degli spogliatoi, igienicamente idoneo e adeguatamente areato, inaccessibile da parte del
pubblico e dei media.
Il locale deve comprendere, possibilmente, una zona di attesa, una zona prelievi e un bagno.
Le zona di attesa e la zona prelievi devono essere adiacenti e adeguatamente separate da un
divisorio permanente o mobile.
Devono essere, inoltre, assicurate le seguenti dotazioni:
A) zona di attesa:
 posti a sedere per n. 4 persone;
 appendiabiti e/o armadietti, se possibile;
 n. 1 frigorifero per bevande.
B) zona prelievi:
 n. 1 scrivania;
 n. 2 sedie;
 n. 1 lavandino;
 n. 1 armadietto con serratura.
Il bagno deve essere accessibile dalla sala prelievi e deve essere dotato di:
 n. 1 lavandino;
 n. 1 WC;
 n. 1 doccia, se possibile.
Relativamente ad eventuali controlli incrociati sangue e urine, il prelievo ematico deve avvenire
in ambiente adeguatamente attrezzato, separato da quello dove avviene il prelievo antidoping
ordinario da un divisorio permanente o mobile.
14) PARCHEGGI SQUADRE E UFFICIALI DI GARA
Devono essere messi a disposizione delle squadre e degli ufficiali di gara i seguenti parcheggi
nelle immediate vicinanze degli spogliatoi (laddove non vi siano limitazioni strutturali non
eliminabili):
 almeno n. 2 posti di stazionamento per i pullman delle squadre;
 almeno n. 5 posti di stazionamento per le vetture.
Pubblico e stampa non devono avere alcuna possibilità di accesso a tali parcheggi e al relativo
percorso di accesso agli spogliatoi.
15) TRIBUNE RISERVATE AGLI SPETTATORI E STAMPA
I posti riservati agli spettatori possono essere sedute individuali, gradinate o posti in piedi. La
capienza di ogni impianto di gioco deve essere di almeno 100 spettatori. Si richiede la
possibilità, ove necessario, di ricavare all’interno delle tribune una piccola area dedicata ed
attrezzata per la stampa.
16) SERVIZI IGIENICI
Un numero adeguato di servizi igienici deve essere distribuito equamente in tutte le aree
dell’impianto di gioco.
17) WI-FI (zona spogliatoi)
L’impianto di gioco deve essere dotato di rete WI-FI e stampante nella zona adiacente gli
spogliatoi per consentire l’utilizzo della nuova modalità on-line delle distinte gara.
18) POSTAZIONI PER TELECAMERE E TELECRONISTI, E OB VAN AREA
Almeno uno dei due campi di gioco (principale o sussidiario, ove possibile il medesimo in cui è
presente anche l’impianto di illuminazione) deve risultare idoneo alle riprese televisive e quindi
deve essere dotato:
 di una tribuna centrale coperta oppure di un’idonea postazione coperta per le riprese
televisive posizionata centralmente rispetto alla linea mediana del campo (altezza minima per
il posizionamento delle telecamere centrali di mt. 6,00);
 di un’idonea postazione per la telecamera 3 (cd. “piattina”), situata esternamente alle linee
laterali del terreno di gioco, posizionata tra le due panchine, ad altezza della linea mediana del
campo;
 di alcune postazioni coperte per i telecronisti, situate all’interno della tribuna principale o del
settore opposto, e comunque ubicate nel settore tecnicamente più idoneo, e di un adeguato
spazio in grado di ospitare un minimo numero di giornalisti. Tali postazioni devono, in ogni
caso, garantire una visuale senza ostacoli del terreno di gioco e un accesso agevole alle altre
aree riservate ai media. Le postazioni devono altresì essere dotate di presa elettrica, superficie
di lavoro sufficiente ad ospitare computer portatili e possibilmente di connessione internet;
 di una OB Van Area.
19) IMPIANTO DI DIFFUSIONE SONORA
E’ consigliata la presenza di un impianto di diffusione sonora per le informazioni relative alla
gara (formazioni, sostituzioni, ecc.), per gli annunci di pubblica utilità e di emergenza.
20) RICHIAMI REGOLAMENTARI
Per tutto quanto non previsto dai presenti requisiti, si fa riferimento alle Regole del Giuoco del
Calcio, all