Presentazione Bologna-Napoli: probabili formazioni, tattiche, caratteristiche e precedenti

ADV
ADV
ADV

Dopo la vittoria in extremis in Champions League col Braga, il Napoli ripartirà in campionato domani a Bologna. Una sfida nella quale i campioni d’Italia cercano non solo punti, dopo la sconfitta e il pareggio nelle ultime due di campionato, ma anche risposte, dopo un ultimo periodo sicuramente non brillante sul piano delle prestazioni offerte. Il tecnico degli azzurri Rudi Garcia ha lasciato intendere nella conferenza stampa di vigilia che si affiderà ad una gestione delle forze fisiche improntata sulle sostituzioni dei calciatori maggiormente affaticati, più che ad un classico turnover, che potrebbe invece esserci a Lecce, prima della sfida col Real Madrid. E quindi, le probabili formazioni saranno:

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski, De Silvestri, Beukema, Lucumì, Kristiansen, Moro, Freuler, Orsolini, Ferguson, Karlsson, Zirkzee.

NAPOLI (4-3-3): Meret, Di Lorenzo, Ostigard, Natan, Mario Rui, Lobotka, Anguissa, Zielinski, Politano, Kvaratskhelia, Osimhen.

Thiago Motta dovrà sciogliere i ballottaggi legati alla fascia destra difensiva con De Silvestri (scelto nella scorsa a Verona) o Posch, al centrocampo con Moro (più difensivo) o Aebischer, e alla trequarti con Orsolini o Ndoye (che, pur partendo sempre titolare, non ha ancora convinto del tutto). Rudi Garcia invece partirà con gli stessi 11 di Braga con le uniche novità in difesa, rappresentate da Ostigard al posto dell’infortunato Rrahmani, Natan per Juan Jesus non convocato, e Mario Rui al posto di Olivera. Pronti a subentrare nella ripresa Elmas per Zielinski o per Kvaratskhelia (se non dovesse dare le risposte attese) e Lindstrom, che potrebbe avere minutaggio per rilevare Politano, che spende sempre tanto. Nella ripresa potrebbe rifiatare anche Osimhen per Raspadori o Simeone, aspettando di vedere naturalmente la piega presa dal match. Possibili altri 90′ per Anguissa, approfittando dello stato non ottimale di Cajuste.

Pre-analisi:

Il Napoli dovrà aspettarsi un Bologna che verrà a pressare alto per impedire lo sviluppo della manovra, potendo contare anche sulle scorie del match di Champions per gli azzurri. Probabile lo schermo di Ferguson o di uno dei due mediani su Lobotka, mentre agli esterni verrà chiesto tanto sacrificio nella doppia fase. L’obiettivo di Thiago Motta sarà presumibilmente quello di appoggiarsi alla fisicità di Zirkzee, che andrà a lottare con i centrali azzurri per fare da sponda agli inserimenti degli esterni o del centrale di turno, che avranno l’obiettivo di attaccare la profondità alle spalle della difesa. Occhio all’estro di Karlsson, che può presentare degli spunti importanti per rientrare sul suo destro, oppure alle corse di Orsolini o Ndoye per prendere alle spalle Mario Rui, zona dove il Napoli ha concesso tanto nell’ultimo periodo. A Rudi Garcia spetterà il compito di impostare una veloce uscita da dietro per eludere la pressione avversaria ed innescare la velocità di Osimhen o mandare Kvaratskhelia all’uno contro uno, riempiendo nel frattempo l’area di rigore anche con le incursioni di Zielinski ed Anguissa. Possibile arma anche quella di Di Lorenzo, che con i suoi inserimenti senza palla potrà schiacciare Karlsson e costringere Kristiansen alla fase difensiva, nella quale non eccelle.

Precedenti:

Negli ultimi 5 precedenti, il Napoli ha avuto decisamente la meglio con quattro vittorie su cinque partite, segnando sempre almeno 2 reti, come accaduto anche nel pareggio dello scorso 28 maggio, raggiunto a 5′ dalla fine da De Silvestri per i felsinei.

Scheda arbitrale:

Sarà l’arbitro Ayroldi di Molfetta a dirigere Bologna-Napoli, quinta giornata di Serie A.

Assistenti: Bindoni-Tegoni. IV Uomo: Doveri. VAR: Irrati-Pagnotta.

I PRECEDENTI (fonte sscnapoli.it):

Data Arbitro Squadra Avversaria C/T Gol Napoli Gol avversaria
07/11/2021 Giovanni Ayroldi Napoli Verona C 1 1
12/11/2022 Giovanni Ayroldi Napoli Udinese C 3 2
25/02/2023 Giovanni Ayroldi Napoli Empoli T 2 0