Napoli-Juventus, le pagelle degli azzurri

Il Napoli si aggiudica la serie dei rigori senza errori dal dischetto: in gol Insigne, Politano, Maksimovic e Milik. Per la Juve, decisivi gli errori di Dybala e Danilo 

Meret 8,5Glaciale, nelle uniche perplessità difensive azzurre (nel primo tempo) blocca la Juve tre volte. Para il rigore a Dybala, ipnotizza Danilo. 

Di Lorenzo 7: Concretezza allos tato puro e concentrazione massimale. 

Koulibaly 6,5: Un unica uscita sbagliata, gli avversari non ne approfittano. 

Maksimovic 8,5: Il Muro di Coppa. Perfetto anche dal dischetto. Un’estate al Maksi per il serbo. 

Mario Rui 6,5Tutto bene sino all’ammonizione del 76′, quattro minuti dopo esce di scena. 

Dall’80’ Hysaj 6Determinazione e applicazione. 

Fabiàn 6,5: Grande attenzione e pronto ai duelli, nonostante sia a mezzo servizio. 

Dall’80 Allan 6: Offre il suo sino al triplice fischio. 

Demme 7Un motorino che non butta un pallone, solo Buffon lo ferma. 

Zielinsk 6,5i: Qualità ma anche quantità, da tutti quello che ha.

Dall’87’ Elmas 5,5Spreca il gol vittoria a un passo dal gong chiamando Buffon al “miracolo”. 

Callejon 5:Due errori in uscita gravi, e non da lui. 

Dal 66′ Politano 7: Immediatamente in partita, accende lo scooter. Si presenta calciando su Buffon. A seguire è pregevole il velo ma Milik spreca. Corre l’81’ quando ha una palla gol che passa dalla sua testa ma incorna debolbemente. Rigore perfetto. 

Mertens 5: Non al meglio, gira a vuoto. Ciqnue falli in 20 minuti, un inedito.

Dal 66′ Milik 6,5: Spreca alòto la grande occasione al 71′. Si riscatta realizzando il gol che regala la sesta coppa Italia della storia del Npaoli, il quarto trofeo dell’era De

Insigne 7,5Il palo e Buffon gli dicono di no, Magnifico nell’interpretazione del ruolo a tutto campo (uomo-squadra) e delizioso nell’esecuzione del calcio di rigore. 

Allenatore – Gattuso 9Il capolavoro, in pochi mesi. Porta un titoloa ll’ombra del Vesuvio, non c’erano riusciti Sarri e Ancelotti. Gestione coraggiosa e fruttuosa anche dei cambi. Chapout, mister. 

 

© Riproduzione riservata