Napoli-Granada, le pagelle degli azzurri

Le pagelle. Il Napoli ci prova per novanta minuti ed oltre ma paga l’errore sul gol di Montero e la prestazione negativa dell’andata. Il gol in apertura di Zielinski fa ben sperare ma il Napoli non sfrutta il momento positivo e il Granada può riorganizzarsi, fino a trovare il pari. Il nuovo vantaggio di Ruiz tiene ancora in partita i suoi ma ne sarebbero serviti altri due per conquistare la qualificazione. Si chiude così il cammino europeo dei partenopei, la partita di questa sera ben descrive la stagione del Napoli: vorrei ma non posso. Ci mette tutto per il passaggio del turno ma un errore compromette tutto.

Le pagelle degli azzurri

Meret 6 – Non ha occasioni per testare i suoi riflessi. Non si lascia sorprendere sul corner di Kenedy che cerca il super gol.

Rrahmani 5.5 – Se Montero salta da solo ed insacca è per colpa sua che se lo perde alle spalle. Tiene bene su Kenedy sia col fisico che in velocità.

Maksimovic 5.5 – Gioca solo metà frazione per permettere a Gattuso di cambiare modulo. Sul gol del Granada la difesa non si muove benissimo. Sostituito al minuto 46 da Ghoulam 6 – Entra subito in partita diventando una spina nel fianco della difesa del Granada. Ci prova con la rimessa lunga ma Mertens non arriva. Mette una miriade di cross bassi non raccolti dai compagni, va anche vicinissimo al gol con un bello stacco.

Koulibaly 5.5 – Nella difesa a tre fa il braccetto di sinistra e spesso rompe bene la linea staccandosi dai compagni. Nel secondo tempo rischia molto scivolando e lasciando campo a Molina che non sfrutta.

Di Lorenzo 6 – Parte da quarto di centrocampo con compiti di offendere ma anche di guardarsi le spalle. La sua sfida non è positivissima, ma quando spinge trova bene i compagni in area soprattutto Mertens.

Fabian 6.5 – Dà una mano a Di Lorenzo in copertura su Puertas he sistematicamente deve ripartire da dietro. Amministra bene il possesso degli azzurri muovendo bene la sfera. Ha il merito di tenere in partita i suoi con il gol che vale il 2-1.

Bakayoko 6.5 – Recupera il pallone che porta al gol di Zielinski al 2’ minuto. Avrebbe anche segnato se solo non avesse spinto il diretto marcatore. È un’ottima diga a centrocampo.

Elmas 5 – Non stringe su Foulquier che cross indisturbato trovando Montero che porta in vantaggio gli andalusi. Poi si divora il gol a pochi passi da Rui Silva. Sostituito al minuto 59 da Mertens 6 – Rientra dopo un lungo stop e anche se non al meglio crea molti pericoli. La reattività non è quella dei bei tempi ma il senso del gol c’è. Va vicino con un pallonetto cancellato dal guardalinee e poi con un colpo di testa che termina a lato.

Zielinski 6.5 – Il Napoli ci crede sin da quando mette piede in campo ed è soprattutto merito suo che fa tutto da solo liberandosi del difensore con una bella finta. Ha buon gioco inserendosi tra le linee. Alla distanza cala e si fa vedere nel finale con una delle sue conclusioni dalla distanza.

Politano 5.5 – Nel primo tempo è un fantasma, punta pochissime volte gli avversari che non eccellono nella velocità. Nella seconda frazione fa qualcosa in più ma non basta.

Insigne 6.5 – Non gioca come una classica ala ma gli piace venire dentro al campo giocando di più il pallone. La punizione è quasi perfetta, leggermente centrale. Serve l’assist della speranza a Fabian.

© Riproduzione riservata