Napoli-Genoa, le pagelle del match

Il Napoli saluta il campitano e il “Maradona” con una netta vittoria contro il Genoa condannandolo, quasi definitivamente, alla Serie B. In rete il numero 24 che, come nella migliore delle favole, scrive il lieto fine. Dall’altra parte il Genoa, che salì in A a braccetto con gli azzurri, è ad un passo dal baratro.

Le pagelle

Ospina 6.5 – Il colombiano suda più per il caldo che per parate impegnative. Nonostante ciò, è decisivo sulla percussione di Portanova e sul tiro dalla distanza di Amiri.

Di Lorenzo 6.5 – Ha tutto il tempo per guardare in area e realizzare il quinto assist in campionato. Troverebbe anche la gioia personale ma Fabbri decide di far ripetere il rigore, non si sa bene per cosa.

Rrahmani-Koulibaly 6 – La sfida sicuramente non è delle più impegnative ma lasciano a desiderare. Il caldo e la partita di fine stagione fanno il loro, ma qualche disattenzione toglie al reparto difensivo sicurezza.

Mario Rui 5.5 – Partita non indimenticabile rischia di regalare il pari dopo essersi fatto beffare da Portanova che, a tu per tu con Ospina, spreca clamorosamente. Sostituito al minuto 73 da Ghoulam SV – Anche per lui è l’ultima apparizione in azzurro. Gli infortuni hanno fatto dimenticare troppo presto il terzino devastante che era diventato, una vera e propria scommessa vinta dal Napoli. Poi gli infortuni hanno rovinato tutto.

Fabian 6 – Partita sufficiente per l’ex Betis. Muove bene palla e non soffre più di tanto la pressione del Genoa. Sostituito al minuto 73 da Lobotka 6.5 – Entra e manda un messaggio al mister anche in vista della prossima stagione. Si fa sentire in mezzo al campo e poi mette in atto lo strappo che fissa la partita sul 3-0.

Anguissa 6 – Prestazione non ai soliti livelli. In alcuni frangenti regala qualche errore di misura. Sostituito al minuto 83 da Demme SV.

Lozano 5.5 – Non riesce mai a sprigionare tutta la sua velocità. Non mette quasi mai in apprensione la difesa ospite soprattutto perché la fascia preferita del Napoli è la sinistra. Nel secondo tempo spreca una buona occasione prendendo il palo.

Mertens 6.5 – Dialoga spesso e bene con i compagni, d’altronde la qualità è evidente. Al momento non c’è il contratto per la prossima stagione, la dirigenza se lo farà scappare?

Insigne 7 – È la sua giornata e prova a lasciare il segno. Al 28’ ci prova con uno dei suoi colpi con un destro a giro, poi un doppio sombrero sulla fascia gli regala gli applausi dei tifosi. Nella ripresa entra nel tabellino grazie ad un rigore, proprio quello che gli ha attirato tante critiche nella sua esperienza partenopea. Sostituito al minuto 89 da Elmas SV.

Osimhen 6.5 – E’ inarrestabile e non molla nemmeno alla penultima di campionato. Il Napoli dovrebbe tenerselo stretto sia per i margini di miglioramento che dimostra, sia per il fatto di essere fondamentale per questa squadra. Quello di oggi è il settimo gol di testa in campionato, meglio di chiunque altro.

Raffaele Galasso

© Riproduzione riservata