Morte Maradona, Diego era allo stremo

Il Mattino sulle ultime sulla morte dell’Eterno Diego. “Il ricovero – si rileva dalle chat – doveva essere giustificato con la necessità di effettuare alcuni controlli di routine, anzi un’operazione per un problema fisico. Diego era allo stremo. Trenta birre e dieci pasticche di ansiolitico al giorno. I medici della prima struttura sanitaria contattata, la Ipensa di La Plata, respinsero la richiesta di un’operazione per un edema subdurale alla testa: «Non c’è necessità». Diego, allora, venne trasferito nella clinica Olivos. Il neurochirurgo Luque avrebbe dichiarato di aver operato lui il celebre paziente e amico, in realtà – secondo le testimonianze raccolte in questi giorni – ad intervenire era stato il collega Rubino.

 

 

© Riproduzione riservata