Milik alla Roma: nell’operazione i 2003 Meloni e Modugno al Napoli

Con un po’ di ironia ora potremmo dire: Giroud può attendere. Perché non aveva senso parlare dell’attaccante del Chelsea quando, già da sabato scorso, Milik aveva aperto alla Roma. E, come aggiunto subito dopo, era sul punto di sciogliere le riserve già lo scorso fine settimana, quando aveva seriamente preso in considerazione la proposta della Roma. Ieri il sì incondizionato, oggi l’incontro tra il club giallorosso e l’agente a Trigoria. E quando l’agente si presenta non è per ascoltare, ma per concretizzare. Già, per definire. Milik alla Roma e Dzeko alla Juve: ci siamo. Per un tecnicismo Arek rinnoverà fino al 2022 il contratto con il Napoli, poi sottoscriverà un quinquennale con la Roma (i bonus possono portarlo a guadagnare anche qualcosa in più di cinque milioni a stagione). Il Napoli incasserà 26 milioni più altri due di bonus non facilmente raggiungibili, il famoso totale di 24+4 che vi avevamo svelato diversi giorni fa. Per Dzeko la Juve verserà tra i 15 e i 16 milioni alla Roma, per il bosniaco un contratto da circa 7,5 milioni a stagione, un biennale con possibile opzione. Dzeko è stato avvertito verso le 18 dello stato avanzato, molto avanzato, della trattativa per Milik alla Roma. Ora via libera per le visite. E nell’operazione quasi sicuramente entreranno due giovani della Roma destinati al Napoli: tra gli indiziati ci sono il terzino destro Samuele Meloni e l’attaccante Simone Modugno, entrambi classe 2003.

fonte: alfredopedulla.com