Lobotka: i tifosi del Napoli sono speciali

ADV
ADV
ADV
ADV

Il centrocampista del Napoli e della nazionale slovacca Stanislav Lobotka ha rilasciato un’intervista all’Associated Press“Vogliamo giocare in avanti per conquistare la metà campo avversaria, per segnare e per dimostrare che vogliamo vincere la partita. E non importa contro chi giochiamo. La cosa più importante è la fiducia, quando senti che l’allenatore si fida di te. Quando qualcosa va storto, Spalletti ti aiuta sempre. Quando sento la fiducia posso mostrare la mia qualità”.

Le partenze estive hanno provocato proteste da parte dei tifosi del Napoli.

“Tutti hanno detto che sarebbe stata una stagione difficile. E questo per noi è stata come la libertà. Potevamo rilassarci perché non avevamo nulla da perdere e potevamo fare quello che volevamo”.

Lobotka ha ammesso che non conosceva Kvaratskhelia

“Non ero solo io, ma molte persone, perché penso che non molte persone vedano il campionato russo o il georgiano. Ora penso che sia una delle tre, quattro migliori ali del mondo. Quando gli dai lo spazio per giocare uno contro uno non hai la possibilità di prenderlo»

Su Osimhen: “Anche se siamo pressati possiamo semplicemente calciare una palla lunga e Osimhen la prende. Per me è tra i primi quattro attaccanti al mondo con Benzema, Haaland e  Lewandowski”.

Sui tifosi del Napoli: “Sono speciali. Amano davvero il calcio in città. Morirò in campo solo per far felici questi fan”.

Lobotka ha detto che Maradona è ancora “parte della città”.

“Puoi andare ovunque e sentirlo. Maradona sarà felice di questa stagione che stiamo facendo”.

Sul rinnovo e sul tenere insieme l’intera squadra la prossima stagione: “Ad essere onesti, sarà difficile perché ci sono molti giocatori e ci sono alcune squadre per cui tutti sognano di giocare. Sappiamo che contano molto i soldi. Quindi se qualcuno viene e dice: “OK, per Osimhen 120 milioni” è difficile dire no”.