Lazio-Napoli, le pagelle

Incredibile: il Napoli crea e sciupa, poi Ospina, sul più bello, fa il patatrac. E la Lazio vince la decima gara consecutiva in campionato. Per gli azzurri è notte fonda, nonostante segnali di miglioramento mostrati per 80 minuti.

LAZIO (3-5-2): Strakosha 7; Luiz Felipe 6, Acerbi 6,5, Radu 6; Lazzari 6,5, Milinkovic-Savic 6, Lucas Leiva 5,5 (80′ Berisha 6), Luis Alberto 6,5 (89′ Jony sv), Lulic 6; Caicedo 5,5 (64′ Cataldi), Immobile 7. All: Inzaghi 6,5

NAPOLI (4-3-3)

Ospina 3: Crea la sconfitta del Napoli con un “suicidio”.

Hysaj 6: Professionista doc, mantiene egregiamente la posizione

Di Lorenzo 6: Costretto alla deviazione fatale causa il “suicidio” di Ospina

Manolas 6: Partita senza infamia e senza lode, priva di errori.

Mario Rui 5,5: La grinta e nulla più.

Allan 6: Fa il suo, esce solo per dare spazio a un attaccante

dall’81’ Llorente sv

Fabiàn 5,5: Poche falle, meglio delle ultime uscite, però ancora al di sotto delle sue possibilità. El magico non c’è più. Chiude l’opaca serata concedendo una ripartenza alla Lazio.

Zielinski 6,5: Il migliore del Napoli. Colpisce il montante, a portiere battuto, sullo 0-0

Callejon 5: Fotocopia sbiadita del vero stacanovista di Motril:

Milik 5: Qualche velo e movimenti degni di nota, manca però l’istinto del killer d’area di rigore

Insigne 5,5: Tonico ma impreciso. Nella ripresa ha una grande chance ma non angola bene esaltando così il portiere laziale Strakosha.

Dal 90′ Lozano sv

All: Gattuso 6,5: Manca il gol a suggello di una ottima gara. Lo regala Ospina, ma alla Lazio.