Klopp teme l’effetto San Paolo

136

Sempre molto istintivo, sincero Jurgen Klopp nella conferenza stampa che precede il debutto in Champions del suo Liverpool. “Non ho dubbi sulle qualità dei miei calciatori, ma – sottolinea – è sempre il calcio e loro sono esseri umani e, per tanto, in campo possono succedere tante cose. Noi cercheremo di eguagliare il livello raggiunto lo scorso anno anche se è difficile misurarlo. Vogliamo sfruttare tutte le nostre qualità. Bisogna essere competitivi e lottare facendo del nostro meglio”. In tutte le partite, a cominciare da questa prima nella massima competizione europea che non sarà assolutamente semplice. “Conosciamo il valore del Napoli, ma vogliamo vincere – sentenzia – Domani mattina mostrerò ai calciatori cosa fare, abbiamo imparato tanto dalla partita dello scorso anno. Se non dovessimo difendere bene sarà davvero molto dura perché il Napoli è una squadra forte che ammiro molto. E’ una formazione testarda, che gioca a calcio, penetra tra le linee, ma sfrutta anche il contropiede. Mi piace sempre guardarlo”. E’ il modo migliore per studiarlo e pensare, riflettere sulle contromisure da adottare. Tanti i calciatori azzurri da tenere d’occhio, ma uno in particolare si gasa particolarmente quando vede “reds”, ovvero, Insigne. “Ogni volta che lo incrocio in campo mi ride in faccia e dopo le partite lo fa ancora di più – rivela il tecnico tedesco – Stiamo studiando come fermarlo, speriamo di riuscirci”. Non sarà così semplice contenere il folletto di Frattamaggiore, ma soprattutto l’entusiasmo, la passione, il calore dei tifosi partenopei che affolleranno le gradinate dello stadio San Paolo. Il loro sostegno è molto temuto dall’allenatore del Liverpool che non lo nasconde assolutamente.

Poche parole, ma interessanti, da parte del capitano dei Reds. “E’ presto per parlare di squadre favorite per la vittoria della Champions – afferma Jordan Henderson – Noi ci siamo migliorati e vogliamo vincere ancora. Domani debutteremo con l’obiettivo di fare il massimo. Rispetto alla partita giocata nella passata stagione in questo stadio siamo migliorati. Analizzammo gli errori commessi e riteniamo di averli corretti. Ci auguriamo che, domani sera, vada diversamente. Sappiamo che il Napoli è una bella squadra e sarà una partita dura, durante la quale ci servirà una bella prestazione per avere possibilità di vittoria”.