James, Napoli e Real Madrid studiano la formula

james

«Ancelotti è pazzo di James», un’altra conferma sulla trattativa per il grande talento di proprietà del Real Madrid arriva dall’entourage del calciatore. Il regista è proprio Jorge Mendes, al lavoro per trovare l’intesa tra le parti. La chiave per sbloccare la trattativa è la formula: De Laurentiis e Florentino Perez lavorano su un prestito oneroso con obbligo di riscatto, così il Real Madrid ha la garanzia di monetizzareeil Napoli dilazionerebbe in più tempo un investimento complessivo tra i 42 e i 45 milioni. «Corsi e ricorsi s torici», avrebbe sostenuto Gianbattista Vico, la trattativa per James Rodriguez rappresenta la ricerca del terzo abbraccio tra Ancelotti e il trequartista colombiano. – si legge sfogliando il Corriere Del Mezzogiorno, a firma di Ciro Troise – Il «leader calmo» lo portò nel grande calcio dopo l’esperienza al Monacoeil Mondiale del 2014, in cui esplose il suo talento, (vinse il premio Puskas per il gol più bello e la scarpa d’oro in quanto capocannoniere) che gli valse l’approdo al Real Madrid. La storia si ripeteaMonaco di Baviera: dopo la prima stagione conclusa con la vittoria della Bundesliga e l’eliminazione ai quarti di finale di Champions League contro il Real Madrid favorito dagli errori arbitrali di Kassai, Ancelotti chiede James Rodriguez, messo ai margini da Zidane al punto da mandarlo in tribuna nella finale di Cardiff contro la Juventus. Il Bayern Monaco esonerò Ancelotti a fine settembre ma James trovò continuità anche con Heynckes saltando solo qualche partita per infortunio. Perché Ancelotti è pazzo di James al punto da chiederlo per la terza volta? La chiave del suo calcio è la ricerca della qualità, lo dimostra la coesistenza di grandi stelle nei suoi top team. James con Ancelotti ha svolto più ruoli: trequartista, esterno d’attacco e anche centrocampista centrale. Non è la collocazione tattica ciò che conta ma la capacità di saper interpretare il suo «calcio posizionale»: James con la sua sensibilità tecnica può essere la chiave della sua proposta di calcio. Il colombiano viaggia alla media di tre passaggi chiaveapartita, sa venire dentro al campo e premiare il movimento senza palla dei compagni, al Bayern Monaco i suoi cambi di gioco hanno esaltato le qualità di esterni d’attacco come Robben, Ribery e Coman. Ancelotti punta alla conquista del campo con la capacità d’andare in verticale, per cui è necessaria la precisione nei passaggi sia nel corto che nel lungo, in questo contesto James è uno straordinario interprete. Si pensa già alla prossima stagione, oggi il Napoli, rappresentato dai dirigenti Lombardo e Saracino e da qualche componente dello staff di Ancelotti, inizia a preparare ilritiro di Dimaro, è prevista una riunione con le istituzioni locali e un sopralluogo al campo di Carciato, dove gli azzurri s’alleneranno per venti giorni.

fonte: Corriere Del Mezzogiorno del 14 giugno 2019