L’emozione di Gaetano: “Chi non sognerebbe un gol al Maradona da campioni? Un sogno che si realizza”

ADV
ADV
ADV

Il calciatore azzurro Gianluca Gaetano, che ha realizzato il terzo gol azzurro domenica scorsa contro l’Inter, è intervenuto ai microfoni di “Radio Goal” su Radio Kiss Kiss Napoli.

Ero emozionatissimo per il gol e sono felice per i complimenti di Clementino, che è di Cimitile come me. Chi è che non sognerebbe un gol al Maradona contro l’Inter da campione d’Italia? È stato bellissimo. È stata una bella scoperta quella del campionato del Napoli, siamo partiti forte e ci siamo resi conto delle nostre potenzialità strada facendo.

Sul record di punti da battere: “È importante provare a battere questi record, anche contro l’Inter c’era una motivazione in più, oltre ad essere una partita affascinante perché giocheranno la finale di Champions“.

Sul gruppo: “Il segreto è stata l’unione del gruppo, la prima cosa. Un gruppo che sta sempre insieme, lavora e gioisce insieme, da chi gioca a chi non gioca. Mi piacerebbe un giorno essere il capitano di questa squadra, è uno dei miei obiettivi, ma c’è ancora tanto da lavorare. Il direttore Giuntoli, così come i miei compagni, conoscono i sacrifici che ho fatto perché mi hanno visto crescere ed anche tutto lo staff erano emozionati per me dopo quella rete”.

Sugli elogi di Spalletti: “Sentirsi dire queste cose dal mister fa sempre piacere, perché ha fatto un percorso straordinario dato che diventare campione d’Italia col Napoli non è da tutti. Per me è stata un’emozione spettacolare vincere lo scudetto. Ad Udine sono scappato subito negli spogliatoi perché volevo incorniciare quella maglia e non darla via“.

C’è stata poi la sorpresa dell’intervento di Gianluca Grava, responsabile tecnico del settore giovanile azzurro: “Parliamo di un ragazzo in primis tifoso del Napoli, quindi vincere lo scudetto da tifoso è la cosa più bella, un sogno che si realizza. Gli faccio enormi complimenti. Noi eravamo abituati a queste giocate di Gianluca, ogni punizione per lui era un rigore“.

Pronta la risposta del calciatore: “Sempre bello sentire la voce del direttore che mi ha cresciuto, lo ringrazio. Per il futuro? Sento di rimanere qui a Napoli, fare altri gol e magari vincere ancora, poi si vedrà”.