Il sindaco di Dimaro Folgarida: se avvenisse il miracolo… pronti a ospitare il Napoli

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Andrea Lazzaroni, sindaco di Dimaro Folgarida. “Abbiamo avuto anche noi dei contagiati, fortunatamente nessun caso grave e nessun decesso, sono praticamente quasi tutti guariti. Ordinanza contro i ritiri di calcio in Trentino? Non ne so nulla e non ho notizia di questo. Può darsi che ci sia una possibilità sui grandi eventi, come potrebbe essere l’arrivo di club come il Napoli in ritiro. Se sarà possibile avere grandi assembramenti sarà possibile avere un ritiro, perché farlo a porte chiuse sarebbe brutto soprattutto per i tifosi. Oggi i grandi club nelle loro sedi non hanno l’affluenza di tifosi che avremmo noi qui. Con il distanziamento viene difficile avere numeri importanti. Se siamo in contatto con il Napoli? Al di là della cordialità sempre esistente con il club, non abbiamo novità. Tutto parte dalla provincia che ora ha cose più importanti da fare con il coronavirus. Sicuramente però si starà aspettando anche l’evolversi della situazione nel mondo del calcio. Danno economico? Sicuramente intanto ci sarà per non avere il Napoli a luglio, per noi il ritiro del Napoli è tanto divertimento ma anche un riscontro importante a livello turistico. Poi sicuramente è diventato anche un appuntamento familiare e d’amicizia ma in fondo c’è il turismo e ci sono dei numeri importanti. Il Trentino ha puntato molto sui ritiri di calcio: è un posto tranquillo, c’è aria buona e possiamo accrescere la nostra competitività negli impianti sportivi. A Dimaro abbiamo fatto investimenti anche negli impianti sportivi delle scuole elementari. Abbiamo anche ordinato la creazione di una palestra a disposizione per noi, per i turisti o per i ritiri. In questi mesi noi non ci siamo fermati, l’abbiamo anche rimesso a nuovo dopo l’inverno, l’impianto di Carciato. Se avvenisse il miracolo noi saremmo pronti a ospitare il Napoli. Decide la Provincia, che però prima di decidere sono sicuro ci interpellerebbe almeno per un parere”.