Il punto su Icardi di Tancredi Palmieri

103

Se si incrociano per strada Marotta e Paratici cominciano a graffiarsi come due gatti per la conquista del quartiere, sarà così almeno fino al 2 settembre, se non oltre. Per questo – anche – sembra difficile pensare alla soluzione finale più logica, a quel Dybala per Icardi che sarebbe la conclusione migliore per tutte e quattro le parti in causa, anche se a dire il vero in quella trattativa la colonna mancante è il sì di Dybala. E allora in questa guerra senza quartiere di cui già qualche mese fa in tempi non sospetti avevamo cominciato ad avvertirvi degli sviluppi, c’è una nuova inaspettata svolta. Perché Marotta vuole provare lo sgambettone alla Juventus, stavolta partendo in una situazione di svantaggio così come successe alla Juve nella questione Lukaku, dove Paratici fu vicino al ribaltone in una situazione estremamente sfavorevole, ma terminando per rimanere con la grana Dybala in casa. La vittoria su Lukaku fa provare il colpo grosso all’Inter, che farebbe girare la propria situazione dal punto di vista finanziario, e allo stesso tempo provocherebbe un danno tecnico e economico ai rivali. Ecco qui: l’Inter sta provando a vendere Icardi al PSG! Una operazione che porterebbe gli agognati 80 milioni in cassa, lanciando l’assalto a Milinkovic-Savic, evitando di vendere l’ex capitano nel mercato interno, e soprattutto bloccando la cessione di Dybala ai parigini, facendo suonare tutti gli allarmi finanziari in casa Juve, e privandoli del trampolino per lanciarsi su Icardi. Come detto, parte da posizione di svantaggio Marotta: perché la Juventus ha incamminato la trattativa per Dybala a Parigi, anche se gli accordi definitivi sono ancora da prendere. E ovvio, tutto dipende dalla partenza di Neymar, sul cui stato dell’arte informiamo più avanti. Ma il canale è aperto, e soprattutto c’è interesse, come conferma la prossima notizia. – così scrive Tancredi Palmieri per Tuttomercatoweb.com  –  Perché non solo l’Inter ha avviato la trattativa con il PSG, ma il PSG stesso ha contattato Icardi!. Non è una novità, o meglio, non è una prima volta: già a maggio ci fu un contatto, declinato però dall’argentino. Il mercato avanza, il tempo passa, le cose cambiano: e Icardi questa volta non ha respinto l’opzione. Perché qualcosa di sostanziale è cambiato per Mauro: non tanto e non solo l’arrivo di Lukaku, visto che l’ex capocannoniere aveva comunque intenzione di tenere duro. No. L’ultimo schiaffo è stata la maglia numero 9 affidata al neoacquisto belga: il gesto della società è stato il primo colpo davvero incassato da Icardi, dopo la fascia di capitano tolta a febbraio. In poche ore ha cambiato totalmente atteggiamento, come mai successo finora: complice anche il calciomercato in scadenza, adesso l’argentino cerca l’opzione migliore, e soprattutto ha tolto i veti opposti fino a solo una settimana fa.