Gattuso: “Domani in campo per vincere. I ragazzi ci credono”

Gattuso conferenza stampa Napoli-Granada - credit foto: Twitter SSC Napoli

Il disastro di Bergamo è solo l’ennesimo incidente di percorso che sta rendendo questa stagione piuttosto anonima. Il Napoli ritorna in campo domani alle ore 18.55 al “Maradona” per cercare l’impresa con il Granada ribaltando il 2-0 dell’andata.

Mister Gennaro Gattuso in conferenza stampa analizza la sfida di domani e il momento degli azzurri.

Si parte facendo un punto sulle condizioni degli infortunati: “Koulibaly e Goulham erano già a disposizione a Bergamo e sono a disposizione anche domani, abbiamo perso Osimhen. Non abbiamo recuperato nessun altro. Demme e Hysaj non sono al 100%, stanno facendo lavoro differenziato”.

Sul recupero di Mertens: “Dries ieri ha fatto 25 minuti di allenamento individuale in campo, domani sarà in panchina. È da tanto fermo, ha 15-20 minuti di autonomia. Lo convochiamo perché sappiamo qual è la situazione della rosa. Non è al 100%, domani vediamo se ne avremo bisogno”.

L’emergenza in attacco costringe ad adattare qualcuno davanti. Politano potrebbe fare il falso nueve: “Vediamo domani. Non faccio nomi, non voglio dare vantaggi. Può giocare anche Elmas attaccante, domani decideremo”.

I tifosi sono spazientiti: “C’è poco da dire. Stiamo attraversando un momento negativo. Le prestazioni sono al di sotto delle nostre possibilità. Non riusciamo a dare continuità di risultati. Indossiamo una maglia storica e rappresentiamo una città fantastica. Tutti devono assumersi le responsabilità, io da allenatore sono il primo responsabile. È inutile stare a chiacchierare. Quello che stiamo facendo non basta. Sono momenti complicati sia per i risultati che per gli infortuni. Dobbiamo parlare meno e fare più fatti”.

Cosa si aspetta il mister dalla squadra domani? “Mi aspetto di partire meglio dell’andata perché sapevamo bene le loro caratteristiche. Ci siamo fatti sorprendere sulla loro caratteristica principale, l’attacco alla profondità. La squadra deve leggere meglio queste situazioni. È successo anche a Bergamo, la squadra deve leggere meglio queste situazioni. Con la Juve ci è andata bene, sì abbiamo difeso più bassi. A livello di mentalità e di voglia ci vuole qualcosa in più”.

Atteggiamento diverso in Europa perché non c’è un vero obiettivo: “Mi viene da ridere quando sento questo. Gli obiettivi sono l’Europa League, il campionato, la Coppa Italia. Sono tutti obiettivi, bisogna analizzare anche quello che stiamo passando. Con la Juve siamo la squadra che gioca di più. Con 5 cambi le partite cambiano, le nostre sostituzioni ci hanno fatto vincere tante partite. Quest’anno i giocatori a disposizione hanno fatto la differenza, ora bisogna ringraziarli per come stringono i denti. Giochiamo ogni tre giorni e non sono al meglio. Ci si allena poco a causa degli impegni e per come vogliamo giocare noi di reparto, palleggiando dal basso, se non l’alleni quotidianamente fai fatica, non c’è una settimana per lavorare”.

Domani servirà un’impresa: “Sarà una partita in cui bisognerà essere bravi a non dare campo a loro, sappiamo che caratteristiche hanno, non mollano mai, sono difficili da battere ma abbiamo il dovere di crederci. Negli occhi dei miei ragazzi ho visto un qualcosa, ci credono. Abbiamo il dovere di farlo, nel calcio non si sa mai. La partita lì l’abbiamo vista, è una buona squadra ma possiamo metterla in difficoltà“.

L’Europa League come scorciatoia per il quarto posto: “Domani si entra in campo per vincere. Le difficoltà ne abbiamo. Si parlava di far giocare i ragazzi della Primavera, ma bisogna che siano pronti altrimenti si fanno figuracce. Sapete bene di cosa parlo. In questo momento abbiamo il divere di provarci se andiamo avanti e non recuperiamo i calciatori è complicato”.

Sulle critiche che piovono dalla piazza e non solo: “Le critiche sono meritate perché le cose non vanno bene. Ho grande responsabilità ed è giusto che venga massacrato. Spero che i ragazzi siano lasciati tranquilli. Non facciamo calcoli, sono tantissimi anni che sono nel calcio”.

© Riproduzione riservata