De Gregorio: a Catania sarà una partita maschia, da giocare ad alti livelli

Piedi ben piantati a terra e concentrazione rivolta in maniera esclusiva alla prossima partita. Questo è il mantra condiviso da tutto l’ambiente Acquachiara anche dopo l’ultima impresa. L’autorevole vittoria ottenuta sabato scorso a Santa Maria Capua Vetere contro l’Anzio ha consentito ai biancoazzurri di raggiungere il primato in classifica, sia pure in condivisione con le due favorite. Il calendario non concede però pause ai partenopei che sabato, in un nuovo scontro al vertice, affronteranno in trasferta la DMG Nuoto Catania. Nel nucleo di giovani che sta spingendo in alto la formazione allenata da Occhiello si fa sempre trovare pronto Daniele De Gregorio(nella foto di copertina di Roberto Polverino). Il titolare della calottina numero tre scatta istantanea del momento vissuto dalla squadra prima di passare a presentare la delicata sfida della Scuderi.

Quale eredità vi ha lasciato la bella vittoria di sabato contro l’Anzio? 

La vittoria di sabato contro l’Anzio ci ha resi ancora più consapevoli dei nostri mezzi, ci dà molta fiducia per il continuo del campionato e ha rafforzato ancora di più la squadra.

In tanti ripetete che bisogna stare con i piedi per terra. Cosa vi ha detto il mister nello spogliatoio a fine partita? 

Dobbiamo restare con i piedi per terra perché il campionato è ancora lungo. Mauro ci ha fatto i complimenti perché abbiamo eseguito ciò che lui ci ha indicato e ha elogiato in modo particolare coloro che pur avendo un minutaggio inferiore si fanno trovare pronti.

Quale aspetto del gioco costituisce al momento il vostro maggiore margine di crescita? 

Sabato siamo stati molto attenti in tutti i reparti: in particolar modo nella gestione della difesa e dell’uomo in più con un eccellente cinque su otto. Ovviamente non ci accontentiamo e pensiamo a migliorare ogni aspetto del gioco giorno dopo giorno.

Sabato vi attende un nuovo scontro al vertice contro il Catania alla Scuderi. Che tipo di partita possiamo aspettarci? 

Sabato sarà una partita dal mio punto di vista molto spettacolare, mi aspetto una partita molto maschia, giocata ad alti livelli. Sia per noi che per loro è una partita non fondamentale ma molto importante.

Quali sono i punti di forza del sette siciliano?

La Nuoto Catania presenta una rosa molto esperta che comprende molti giocatori che l’anno precedente hanno militato in serie A1. Inoltre nella partita di sabato hanno dalla loro parte il fattore campo.

Ritrovi sul versante opposto Luca Castorina con cui la scorsa estate hai condiviso la vittoria dell’Europeo di categoria. Quali ricordi conservi dell’esperienza di Tblisi?

Luca Castorina è un ragazzo che si impegna molte e che ha molte capacità. Per me è stato un piacere condividere con lui l’esperienza vissuta la scorsa estate a Tbilisi. Sabato purtroppo scenderemo in acqua da avversari ma sarà comunque bello incontrarlo.