Da Kiev a Bergamo, emozioni da tour de force

Un cammino da sei tappe importanti, un cammino da percorrere in sole tre settimane. Il Napoli di Sarri dovrà viaggiare veloce e senza fermarsi. In palio ci sono dodici punti per il campionato e sei per il girone B di Champions League. Il viaggio azzurro inizia a Kiev dove il Napoli affronterà martedì sera la squadra di Rebrov  per la prima partita nella competizione europea più importante, partecipazione conquistata grazie al secondo posto della passata stagione. Dopo la trasferta contro la Dinamo Kiev gli azzurri saranno impegnati nel sabato sera del San Paolo contro il Bologna dell’ex Roberto Donadoni che nello scorso turno di campionato ha  battuto al Dall’Ara il Cagliari. Sarà poi tempo di turno infrasettimanale. Con il Napoli a Genova il 21 settembre, avversario l’amico-Grifone. Per i tifosi, che giungeranno da ogni parte d’Italia, l’appuntamento per vivere il gemellaggio più longevo della storia del calcio tricolore con i sostenitori rossoblu. Il campionato continuerà con l’appuntamento del by night a Fuorigrotta, nuovamente di sabato, ospite il Chievo di Maran, ex bestia nera partenopea. Nessuna sosta per il Napoli e solo poche ore per staccare la spina. E’ il calcio moderno: lo spettacolo deve continuare. E il Napoli prepara mente e corpo per il primo ciclo di impegni ravvicinati. Il 28 settembre è data segnata con l’evidenziatore perchè la musichetta della Champions tornerà a suonare ad alto volume nel “tempio” dei tifosi azzurri con la prima casalinga del girone di Champions contro il Benfica. Al di la della politica dei prezzi alti per i settori popolari c’è da scommettere che il San Paolo avrà il suo colpo d’occhio da solito spot per il calcio, bollente di passione e colorato d’azzurro: pronto a sostenere la squadra  di Sarri , l’esordiente in Champions che smania di emozionarsi prima e poi giocarsela con il “bel Napoli” che da un anno mostra all’Europa del calcio. Prima del prossimo stop per gli impegni delle nazionali, ci sarà la sortita a casa Atalanta, una trasferta di campionato da sempre insidiosa. Il primo ostacolo in modalità tour de force, intanto, è stato superato di slancio. A Palermo, dopo un primo tempo bloccato, difatti, gli azzurri in un amen hanno chiuso la pratica rosanero grazie al gol da record di Hamsik che ha superato il grande e inarrivabile Maradona, collezionando 82 gol con la maglia azzurra. Settembre-ottobre, il Napoli è in cammino con emozioni da vivere tutte d’un fiato per il Napoli che dovrà dosare le forze allenando costantemente psiche e tempra. Le sfide che attendono gli azzurri sono ostiche ma Sarri ha già messo in piedi una macchina da gol impressionante, capace di partire dalla difesa e di creare un gioco fluido e brillante, passando per un centrocampo di qualità e arrivando fino ad un attacco che lavora quest’anno su più soluzioni, con maggiori possibilità per gli esterni di attacco, per sostenere gli staffettisti della prima linea Milik e Gabbidini. Il tour de force con la cooperativa potenziale del gol. Si riparte in Ucraina, seconda tappa di un lotto di gare che potrebbe già decretare la forza del Sarri bis. Con i tifosi pronti a sognare con il Napoli made in Sarri, squadra in grado di mettere in difficoltà tutti gli avversari. Con il gruppo come toplayer composto dall’intera squadra, compatta e decisa a regalare, alla gente napoletana, soddisfazioni e traguardi importanti. Nessuna prima donna ma tutti insieme al centro del progetto tecnico, pronti a far felice la gente con il Napoli nel cuore sparsa nel mondo.

 di Anna Biglietti

© Riproduzione riservata