Coronavirus, l’aggiornamento del 9 aprile

https://youtu.be/POKaxAI3egY

Coronavirus, Borrelli: i casi totali sono 143.626, 610 morti nelle ultime 24 ore. LIVE

Il bollettino della Protezione civile: i nuovi contagi a livello nazionale sono 4202, il 10% in più di ieri. I decessi sono 610, contro i 542 di ieri di cui 300 in Lombardia. Si va verso un prolungamento almeno fino al 2 maggio delle attuali misure restrittive.

Il bollettino della protezione civile delle ore 18: sono 143.626 i casi totali, con 610 decessi registrati (ieri erano 542), di cui 300 in Lombardia. I guariti totali sono 28.470 (1.979 in più rispetto a ieri). Sono 3.605 i pazienti nei reparti di terapia intensiva, 88 in meno rispetto a ieri. Il governo è a lavoro sulla fase 2, anche se, insieme alle prime indicazioni sulle possibili riaperture (LE IPOTESI), è attesa la proroga del lockdown. Conte, intanto, alla BBC afferma che potrebbero esserci allentamenti graduali entro aprile.

 

Locatelli (Css): fase 2 dovrebbe essere a livello nazionale

“Le decisioni politiche che verranno prese dovranno, a mio avviso, avere carattere di ordine nazionale piuttosto che regionale valutando piuttosto i profili di rischio dei vari lavoratori”. Lo ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, nel punto stampa in Protezione Civile. “Per esempio – ha spiegato – quella dei dentisti e quella dei parrucchieri sono categorie professionali fortemente a rischio. Chi lavora invece per la silvicoltura per evitare incendi boschivi rappresenta di converso una categoria con il rischio di contagio marcatamente più basso”.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1248293754160721922?s=19

 

Borrelli: ormai 67% pazienti a casa, +8% solo ad aprile

“I pazienti Covid 19 in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi sono arrivati a 64.877, il 67% del totale, un dato cresciuto solo ad aprile dell’8%. Ciò dimostra il calo della pressione sugli ospedali, assieme al calo dei ricoverati nei reparti o in terapia intensiva”, si legge su tg24.sky.it.

In Italia 28.470 i guariti, 1.979 in più di ieri

Sono 28.470 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 1.979 in più di ieri. Il dato è stato reso noto dalla Protezione Civile. Ieri l’aumento dei guariti era stato di 2.099.

Ecco i dati aggiornati sul contagio

143.626 i casi totali, con 610 decessi registrati (ieri erano 542), di cui 300 in Lombardia. I guariti totali sono 28.470 (1.979 in più rispetto a ieri). Sono 3.605 i pazienti nei reparti di terapia intensiva, -88 rispetto a ieri.

A Parma matrimonio (con mascherina) tra due medici del reparto Covid-19

Raul Polo e Monica Balugani, impegnati rispettivamente all’ospedale di Parma e in quello di Reggio Emilia, si sono uniti in matrimonio con rito civile. La cerimonia – in mascherina – si è svolta nella sala del Consiglio, nel rispetto delle misure anti-contagio

Da tg24.sky.it. Si va verso un prolungamento almeno fino al 2 maggio delle attuali misure restrittive e di isolamento. Il premier intervistato da BBC apre a graduali aperture. Die Welt: “La mafia aspetta i soldi dalla Ue”.

Ci sono 440 nuovi casi di coronavirus in provincia di Milano, con il totale che sale a 12.479 contagi. In città si sono verificati nelle 24 ore 155 casi, per un totale di 4979 contagi

Lombardia, i dati delle province

A Como 63 positivi in più (totale 1.605), Varese 143 (1.491), Monza 91 (3.355), Milano 440 (12.479), Lodi 29 (2.376), Pavia 66 (2.889), Sondrio 18 (654), Lecco 50 (1.805), Bergamo 112 (10.043), Brescia 213 (10.122), Mantova 61 (2.277), Cremona 67 (4.489)

In Lombardia il totale dei positivi sale a 54.802

Bollettino della Regione Lombardia: “Effettuati 176.953 tamponi, con il numero dei positivi che sale a 54.802. Dimesse 1032 persone nelle ultime 24 ore”

In Lombardia 1388 positivi e 300 decessi in più

Bollettino della Regione Lombardia: “Nelle ultime 24 ore 1388 positivi e 300 decessi. Sono 1032 le persone dimesse da ieri, 21 persone in meno ricoverate in terapia intensiva”

Il Viminale ai prefetti: “Rafforzare i controlli per Pasqua”

Una direttiva ai prefetti affinché rafforzino i controlli per Pasqua è stata firmata dal capo di Gabinetto del ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi. I dati sull’epidemia, si legge, mostrano “i primi segnali di efficacia delle misure di contenimento”. È quindi importante che queste misure, si segnala, “siano pienamente operative in vista delle imminenti ricorrenze pasquali, tradizionalmente caratterizzate da un incremento dei flussi di traffico, in particolare sulle autostrade e sulle principali arterie di collegamento extraurbane del nostro Paese”.

https://youtu.be/-kNxDZ2CydA