Citro: dobbiamo interpretare una gara perfetta per mettere in difficoltà Trieste

204

Ultimo impegno del 2019 per la Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno, al momento settima a quota undici insieme a Roma Nuoto e Rari Nantes Florentia. Nell’incontro valevole per l’undicesima giornata del girone d’andata del campionato di serie A1 i giallorossi ricevono alla Vitale, fischio d’inizio previsto sabato alle ore 18:00, la Pallanuoto Trieste, quinta a quota diciassette. Confronto certamente non facile per i padroni di casa, per l’occasione privi dello squalificato Sanges, che proveranno però a conquistare un risultato positivo per impreziosire una prima parte di annata già al momento lusinghiera. L’istantanea del momento in casa salernitana e la presentazione del match sono affidate alle parole del tecnico Matteo Citro(nella foto di copertina di Sport Action magazine)

Quale eredità vi ha lasciato la sconfitta rimediata sabato a Firenze contro la Rari Nantes Florentia?

La partita di Firenze ci ha ribadito che in gare di questo equilibrio ogni errore può essere decisivo.

Quanto può ritenersi soddisfatto del percorso compiuto fin qui dalla squadra?

Abbiamo avuto un buon inizio di torneo ma è presto per tirare le somme, basta sbagliare un paio di partite per ritrovarsi nei bassifondi della classifica.

Quali sono gli aspetti del gioco su cui la squadra deve compiere i progressi più significativi per migliorare ulteriormente il suo rendimento?

Dobbiamo crescere nel mantenere alta concentrazione e il livello di gioco per tutta la gara cercando di non concedere agl’avversari situazioni di gioco semplici.

Sabato arriva alla Vitale la Pallanuoto Trieste, rivelazione della prima parte di campionato. Che tipo di partita possiamo aspettarci?

Trieste non è una rivelazione, ha un organico costruito per l’alta classifica. Dobbiamo interpretare la gara perfetta per metterli in difficoltà e posso assicurare che venderemo cara la pelle.

Quanto peserà l’assenza dello squalificato Sanges nelle rotazioni?

Avere un difensore in meno con le nuove regole incide molto, si fischiano tante espulsioni al minimo contatto. Si dovranno adattare in quel ruolo anche altri giocatori non abituati a ricoprirlo.

Quali sono i punti di forza della compagine giuliana?

Possono contare su un perimetro con tanti ottimi tiratori ed un centroboa di livello internazionale.