Calzona:”Osi e Kvara? Non posso privarmi di loro”

ADV
ADV
ADV

Al termine di Sassuolo Napoli 1-6, valida per il recupero della 18esima giornata di Serie A, l’allenatore del Napoli, Francesco Calzona, ha parlato ai microfoni di DAZN.

Queste le parole del tecnico dei partenopei:

“Osimhen sta tornando sui suoi livelli. Non aveva una grande condizione perché come ho detto già la scorsa settimana la Coppa d’Africa diventa difficile per i calciatori. Piano piano sta ritrovando la condizione. Kvara ha passato un momento difficile, oggi ha dimostrato il giocatore che è”

“Io ho avuto una buona percezione già il primo giorno, dal primo allenamento i giocatori mi hanno dato il massimo. Per me è stata una sorpresa: ho visto disponibilità e questo mi faceva ben sperare. Chiaramente si viene da un periodo difficile, non è facile scrollarsi di dosso le scorie negative; lavoriamo insieme da circa una settimana, ho visto salire l’intensità, ho visto un’alta qualità degli allenamenti. I ragazzi hanno voglia di migliorare la situazione attuale, il merito è loro”.

“Siamo nella situazione di dover pensare partita per partita. Abbiamo un calendario importante ma siamo una squadra importante. Dobbiamo fare più punti possibili e cullare un minimo di speranza, i ragazzi ne sono consapevoli. Dobbiamo assolutamente cercare di vincere il più possibile e a fine anno vedremo dove arriveremo. I ragazzi in difficoltà non hanno mai fatto nessun tipo di polemica, si sono messi a lavorare a testa bassa. Osi e Kvara sono due grandissimi giocatori, non sono un pazzo, non me ne privo. Durante la partita, se vedo che perdiamo intensità metto qualcuno di nuovo perché chi sta fuori mi ha dato risposte importanti”.

“Quello che ha fatto Spalletti con questa squadra è ineguagliabile, cerco di proporre un calcio semplice, stando possibilmente nella metacampo avversaria. I ragazzi hanno fatto passi da gigante, chiedo loro ordine e lo stiamo trovando. Dobbiamo migliorare, c’è tanto da fare, bisogna continuare così con questa voglia di fare il risultato proponendo un buon calcio e facendo contenti i tifosi. In riunione tecnica ho fatto notare alla squadra che i tifosi ci seguono ovunque ed è un’arma in più per noi”.