Azzurri in prestito. Brillano Tutino e Zerbin

Gli azzurri in prestito. Una folta rappresentanza di tesserati della SSC Napoli “girati” ad altre società. Alcuni sono esuberi della prima squadra; altri, la maggior parte, prodotti del settore giovanile mandati a “farsi le ossa”. Da questa settimana Gol del Napoli vi terrà aggiornati con il report di tutti gli azzurri in giro per l’Italia e non solo. Ecco com’è andata nell’ultimo weekend calcistico:

Adam Ounas (1996. Cagliari, serie A) – Esordio vittorioso per l’algerino con i rossoblù: entra all’84’ nel blitz (2-3) ai danni del Torino.

Sebastiano Luperto (1996. Crotone, serie A) – Protagonista con i calabresi che bloccano la Juve sul pari (1-1) allo Scida. Per TMW la sua prova è da 6: “Grande sicurezza in difesa, il passaggio ad una piazza meno ambiziosa di Napoli gli ha sicuramente fatto bene. Combatte senza timore su ogni pallone”.

Gennaro Tutino – (1996. Salernitana, serie B) – Doppietta nella vittoria per 4 a 1 dei granata sul Pisa. Il classe ’96 segna la prima e la terza rete nella goleada che proietta i campani a quota 7 punti dopo tre partite. Per lui tre reti in campionato in altrettante apparizioni.

Amato Ciciretti – (1993. Chievo Verona, serie B) – Subentra al 27’ della ripresa nella vittoria a domicilio (0-1) del suo Chievo ai danni della Reggiana. Prova sufficiente secondo TMW: “6. Entra in una fase di grande sofferenza da parte del Chievo, con pochi spunti offensivi”.

Luca Palmiero (1996. Chievo Verona, serie B) – Titolare nel successo dei veneti. TMW gli dà 6 in pagella: “Meno evidente nelle sue giocate rispetto ad altre uscite, ma comunque importante nel far ripartire l’azione clivense”.

Gianluca Gaetano (2000. Cremonese, serie B) – Titolare per un’ora in Cremonese-Venezia. Per TMW è 6,5 in pagella: “Molinaro fatica non poco a stargli dietro. Da trequartista svaria su tutto il fronte offensivo e dai suoi piedi nascono le occasioni più ghiotte”.

Alessio Zerbin (1999. Pro Vercelli, serie C girone A) – Giornata da incorniciare per lui: vittoria in trasferta contro il Grosseto (1-2), sua è la rete che apre le danze al 28′. Lampi di classe nel primo tempo, cala nella ripresa e viene sostituito al 67′.

Raffaele Russo (1999. Grosseto, serie C girone A) – Lanciato nella mischia a 15′ dalla fine, non riesce ad incidere: la Pro Vercelli passa a Grosseto (1-2).

Alessandro Zanoli (2000. Legnago, serie C girone B) – Ancora una maglia da titolare nell’ottimo pari del Legnago (1-1) sul campo del Padova di Mandorlini. Schierato nel suo ruolo di terzino destro in una difesa a quattro.

Lorenzo Sgarbi (2001. Legnago, serie C girone B) – Anche lui confermato dal primo minuto in coppia con Grandolfo nel 4-3-1-2. Pur non avendo ancora trovato il gol, come Zanoli si sta ritagliando uno spazio importante.

Alberto Senese (2000. Legnago, serie C girone B) – Ancora ai box per l’infortunio al malleolo.

Francesco Mezzoni (2000. Feralpisalò, serie C girone B) – In campo dal 38′ della ripresa in Feralpisalò-Sudtirol 0-1.

Valerio Labriola (2001. Fermana, serie C girone B) – Non convocato per un “leggero ritardo di condizione” (fonte: sito ufficiale Fermana) per la trasferta di Perugia, persa dalla sua squadra per 2 a 0.

Karim Zedadka (2000. Cavese, serie C girone C) – Resta in panchina per tutto il match, metelliani sconfitti 0-2 dalla Vibonese al “Simonetta Lamberti”.

Luigi D’Ignazio (1998. Turris, serie C girone C) – Novanta minuti in panca anche per lui. Corallini fermati al “Liguori” dal Monopoli (1-1), ma ancora primi in classifica.

Francesco Casella (2000. FC Messina, serie D girone I) – In panchina per tutta la gara nel pari a reti bianche dei siciliani in casa della Polisportiva Santa Maria di Castellabate.

Amin Younes (1993. Eintracht Francoforte, Bundesliga) – Entra a 20‘ dalla fine in Colonia-Eintracht. La gara finisce 1 a 1, con i rossoneri che perdono contatto con il Lipsia capolista ed ora sono quarti in classifica.

Zinedine Machach (1996. Venlo, Eredivisie) – Il suo Venlo ferma sul 2 a 2 a domicilio l’AZ Alkmaar, prossima avversaria del Napoli in Europa League. Ammonito al 19’ e sostituito al 63’, quando il risultato era ancora sul 2 a 0 per i padroni di casa: il Venlo infatti pareggerà negli ultimi quattro minuti.