Audi Cup: i padroni di casa a caccia del riscatto

Se ieri la prestazione molto più che convincente del Napoli del primo tempo ha sorpreso una parte degli addetti ai lavori, ignorante in materia di calcio italiano e soprattutto di Sarrismo, la roboante sconfitta del Bayern Monaco ad opera del Liverpool era assolutamente imprevedibile. Non ci stancheremo mai di ripetere che si tratta soltanto di calcio d’estate, in cui il risultato conta zero, ma la facilità con cui la squadra di Klopp è riuscita ad affondare quella di Ancelotti ha lasciato a bocca aperta tutti gli appassionati. Il Bayern viene dall’ennesima stagione di apparente soddisfazione. Ha stravinto la Bundesliga, malgrado una partenza non proprio esaltante, dimostrando per l’ennesima volta di essere la compagine più forte del campionato tedesco senza ombra di dubbio. In Champions League, però, non è riuscita ad andare oltre i quarti di finale, soprattutto a causa degli infortuni e della vergognosa notte del Bernabeu, in cui Neuer e compagni sono stati calcisticamente derubati dalle Merengues.

Ancelotti non è troppo amato dalla stampa tedesca, ma il tecnico emiliano ha maturato un’esperienza tale da riuscire a non farsi condizionare dalle critiche strumentali. Per lui ha sempre parlato il campo e continuerà ad essere così ancora per molto tempo. Di certo, dopo la brutta sconfitta di ieri che ha evidenziato soprattutto delle grosse difficoltà in fase di transizione passiva, con le ali rapidissime del Liverpool in grado di colpire quando e come volevano, il Bayern sa di doversi riscattare. Una cosa è perdere due amichevoli di seguito in un altro continente, un’altra è farlo nel torneo organizzato in casa propria, pertanto è probabile che i bavaresi cerchino di ristabilire le gerarchie alzando sin dall’inizio i ritmi contro il Napoli. Gli azzurri però difficilmente snatureranno il loro gioco, per cui ci si aspetta una partita aperta e interessante. Il risultato? E’ l’ultima delle preoccupazioni di Sarri.

di Giulio Alfano

© Riproduzione riservata