Viareggio Cup: il Napoli batte il Bologna. Ai quarti contro il Bruges

vittoria-col-bologna
Bologna-Napoli 1-2
BOLOGNA: Sarr, Tazza (28′ st. Negri), Cestaro, Bianconi, Frabotta, Ghini (28′ st. Gulinatti), Silvestro (28′ st. Valencia), Faiola (7′ st. Pattarello), Trovade (28′ st. Callegari), Tabacchi, Okwonkwo (38′ st. Stanzani). A disposizione: Monari, Cozzari, Filinsky. Allenatore: Magnani
NAPOLI: Marfella, Schiavi, Esposito, Marie Sainte, D’Ignazio, De Simone (31′ st. Milanese), Acunzo, Liguori (15′ st. Mezzoni), Zerbin (19′ st. Granata), Russo, Leandrinho. A disposizione: Schaeper, Mazzella, Migliaccio, Riccio, Della Corte. Allenatore: Saurini
Arbitro:  Annaloro di Collegno
Reti: 10′ pt. Okwonkwo (B), 21′ Leandrinho (N), 30′ De Simone (N).
Note: ammoniti De Simone (N), Marie Sainte (N).
Qualificazione di rimonta per la Primavera del Napoli che accede ai quarti di finale della sessantanovesima edizione della Viareggio Cup superando il Bologna di Paolo Magnani che non aveva subito gol nel girone eliminatorio. La gara, disputata allo stadio Lupari di Sarzana, è iniziata in salita per i colori partenopei con la realizzazione del “gigante”  Okwonkwo, abile a saltare più in alto di tutti. Ma è stata veemente la reazione azzurrina con uno-due micidiale. Undici minuti dopo il vantaggio felsineo Leandrinho segna il terzo gol in due partite dell’ex Coppa Carnevale disorientando avversari come birilli. Passa dai piedi del brasiliano anche la rete del ribaltone (31′). Sulla deviazione bolognese si avventa il centrocampista Gennaro De Simone che mette a segno il “punto” della vittoria al ventunesimo della prima frazione di gioco. Nella ripresa il Napoli difende il vantaggio minimo a denti stretti ma sfiora anche la marcatura della tranquillità con il “prestito” del Carpi Francesco Mezzoni della classe 2000. Al triplice fischio è festa grande dalle parti della tribuna centrale dove gli azzurrini sono stati sostenuti dall’inizio alla fine da parenti e amici. Prossimo appuntamento fissato per venerdì con il match valevole per i quarti di finale. Il Napoli se la vedrà con il Bruges che ha eliminato la Juventus, campione uscente, dopo la lotteria (a oltranza) dei calci di rigore.
Saurini nel dopo gara (fonte: iamnaples.it.)  “C’è soddisfazione per tutti: dalla dirigenza ai magazzinieri. Raggiungere un risultato del genere non era facile, si è reagito da squadra e questo ci fa crescere. Vogliamo diventare a breve termine una squadra di alto livello. Leandrinho? I giocatori importanti fanno crescere il gruppo e hanno grande impatto. La partita è stata bella ed intensa, abbiamo vinto con testa cuore, organizzazione e volontà, raggiungendo un risultato importantissimo, ora non ci poniamo limiti e andiamo avanti per la nostra squadra. Questo torneo è un banco di prova per quanto possiamo fare in futuro, è una tappa per arrivare ad avere una squadra competitiva in futuro e ci stiamo riuscendo. Bruges? Conosciamo benissimo le squadre europee, sono stato in questi giorni a Nyon e mi sono confrontato con molti tecnici. Hanno un bel gioco, molto europeo, hanno un settore giovanile florido e sarà un altro test che affronteremo con impegno ed organizzazione. Otranto? Oggi ha lavorato e fatto qualcosa in più, rischiarlo potrebbe essere difficile, vedremo come reagirà e faremo un punto della situazione. Con Giuntoli ho un rapporto quotidiano, ci confrontiamo sempre, è attento alla Primavera e alla crescita dei giocatori. La nostra vittoria è che i giocatori crescano sempre. Zerbin? Ha qualità notevoli, in questo momento non sta molto bene, deve trovare condizione, gamba ed automatismi, ma oggi ha fatto bene, correndo molto. Mi dispiace aver preso gol su calcio piazzato, cercheremo di migliorare anche su quest’aspetto”.
Magnani nel dopo gara (fonte: iamnaples.it)“L’eliminazione brucia, abbiamo giocato alla pari avendo anche l’opportunità per andare sul 2-0, prendendo subito gol. La partita è stata equilibrata, c’era un rigore per noi con espulsione per il Napoli. Nel secondo tempo abbiamo provato a cambiare le carte in tavola, ma il problema è che manca un rigore per noi. Cosa ci lascia il Torneo di Viareggio? Sappiamo di potercela giocare alla pari con tutte, c’è rammarico perchè potevamo fare di meglio. Leandrinho? E’ un giocatore importante, alla prima occasione ha fatto gol anche se si è visto poco per il resto. Bologna? Vogliamo crescere ancora dopo questo torneo. Tazza? Il ragazzo sta facendo bene, sono due anni che fa la Primavera, su di lui c’era rigore”.