Preliminare di Champions: trasferte vietate per le due tifoserie

tifosi

Trasferta vietata ai francesi, anche gli azzurri non potranno seguire la squadra a Nizza. Il Napoli giocherà in dodici. Il San Paolo si sta riempendo a ritmo vertiginoso: si arriverà a quota 55 mila

Venghino, signori venghino: perché ormai il San Paolo va restringendosi a vista d’ occhio, preso d’ assalto da una città affamata di grande calcio, che punta dritto verso la Champions e che prova a prendersela senza se e senza ma e soprattutto senza rinunciare ad esserci per crederci. Tutti esauriti e fra un po’ anche quello stadio nel quale restano ormai pochi posti (cosa volete che siano altri 19.583 biglietti?) quando ormai mancano quattro giorni alla partita e si viaggia su ritmi chiaramente inaspettati, considerato il periodo ed anche il caldo. Ma è fatta, s’ è sgretolata pure la soglia dei quarantamila, abbattuta di slancio in serata, ieri, quando la prevendita si è attestata sui 40.657, lasciando intravedere la possibilità seria – di riempire, mercoledì sera, il San Paolo, per quel ch’ è possibile.
Napoli che non ha perso tempo, ha bruciato le resistenze e le scorte, ha ignorato Lucifero e persino le spiagge, ha già occupato le due curve superiori e (quasi) i distinti, s’ è spinta ben al di là delle sfide con l’ Olympique Marsiglia, con l’ Arsenal, con il Benfica e con la Dinamo Kiev, è vicinissima a quella con il Benfica (meno di mille biglietti ancora) ed è ad un niente anche dal precedente (che quasi non viene nominato) con l’ Athletic Bilbao (49.872): significherebbe, a quel punto, aver fatto anche meglio del primo appuntamento assoluto di Champions, quello con il Villarreal, settembre 2011. Il sospetto, di chi ha il polso della situazione, che si andrà sicuramente oltre i cinquantamila, che si possa anche azzardare una previsione prossima ai cinquantaciquemila, che il colpo d’ occhio però verrà un po’ sporcato da quel Come sempre, quando c’ è la burocrazia di mezzo, il rischio di slittamento dei programmi è elevatissimo: il nuovo San Paolo si vedrà, forse, più in là, ora si pensa a cominciare i lavori a settembre, come ha dichiarato a Kiss Kiss l’ assessore allo sport del vuoto ormai inevitabile nel settore ospiti, dove non ci sarà spazio per vivere una serata che non sarà proprio per tutti.
NIENTE FRANCESI. E infatti: c’ erano molti dubbi, che però sapevano praticamente di certezza, però stavolta è ufficiale e Napoli -Nizza sarà vietata ai tifosi francesi, su disposizione della Prefettura che ieri mattina ha avuto bisogno di poche righe per annunciare la decisione.
«Per motivi di sicurezza è disposto il divieto di vendita dei biglietti ai residenti in Francia». La reciprocità, in casi del genere, diventa quasi meccanica e dunque c’ è da prevedere che il 22 agosto non sarà possibile per i tifosi del Napoli farsi un giretto in Costa Azzurra, così per sport: è la faccia triste del calcio, questa; si chiama prevenzione, quando invece sarebbe giusto e doveroso curare.

Fonte: Corriere dello Sport