Pallanuoto, serie A1: il punto sulla diciassettesima giornata

giorgetti

Bilancio in chiaroscuro per le formazioni campane che, nei match valevoli per la diciassettesima giornata del campionato di pallanuoto, serie A1, portano a casa una vittoria e due sconfitte. Il Circolo Canottieri Napoli sbaglia qualche occasione di troppo in avvio ma poi riesce a far prevalere il suo maggior tasso tecnico e supera la Pallanuoto Trieste con il punteggio di 11-7, risultato che consente ai giallorossi di raggiungere la quinta posizione in graduatoria. A decidere le sorti dell’incontro la progressione messa a segno dai padroni di casa nella parte centrale del confronto che propizia il 9-5 al termine del terzo quarto, margine più gestito negli ultimi otto minuti. A recitare il ruolo dei mattatori Alex Giorgetti( nella foto di copertina di Manuel Schembri), quattro reti a referto per il numero cinque che può fregiarsi del ruolo di top scorer di giornata, ed Eduardo Campopiano, autore di una tripletta che gli consente di salire a quota trentatré nella classifica marcatori e di confermarsi come principale bocca da fuoco del suoi. Il Circolo Nautico Posillipo incassa la quarta sconfitta consecutiva contro l’An Brescia che viola la Scandone per 7-4, risultato che relega i rossoverdi a cinque punti dai piazzamenti che assicurano la salvezza diretta. A confortare mister Brancaccio l’ottima prova difensiva dei suoi ragazzi che, sospinti da un Negri in giornata di grazia, contengono alla grande l’attacco dei lombardi,  scesi a Fuorigrotta con dodici elementi a referto e la testa, probabilmente, già orientata alla delicata trasferta di Champions a Dubrovnik, e si arrendono alla maggior esperienza del sette allenato da Bovo solo nell’ultimo quarto. Non riesce alla Carpisa Yamamay Acquachiara, fanalino di coda del torneo a zero punti, l’impresa di conquistare il primo risultato utile della sua stagione contro la Reale Mutua Torino 81, tredicesima a quota sette, che s’impone 7-4 a Santa Maria Capua Vetere ottenendo così il secondo successo della sua annata. La perentoria partenza del sette allenato da Paolo Iacovelli,privo dello squalificato Blanchard, viene vanificata dalla prova difensiva dei piemontesi che, dopo l’1-3 del parziale d’apertura, tengono inviolata la porta per sedici minuti e ribaltano l’inerzia del confronto grazie al break di 4-0 messo a segno nei due quarti centrali. Continua inarrestabile la marcia della Pro Recco , capolista a punteggio pieno, che supera 13-7 la Rari Nantes Florentia, nona a quota venti.  I liguri attuano più di una variazione nei tredici a referto ma nonostante questo archiviano rapidamente la pratica grazie al 6-1 del periodo iniziale.  Mattatori di giornata Filipovic ed Ivovic, entrambi autori di un poker; da segnalare il cento per cento di realizzazione in superiorità numerica registrato da entrambe le formazioni. In una gara caratterizzata da diversi strappi e dall’elevato numero di reti, la Lazio, settima con ventidue punti, tiene testa per tre quarti, nonostante l’espulsione di Cannella, alla più quotata Banco Bpm Sport Management che s’impone 17-13 e conserva il secondo posto. Il Circolo Canottieri Ortigia piega il Bogliasco Bene per 13-8, ottiene la settima vittoria nelle ultime nove partite e si porta da solo al quarto posto.  A decidere le sorti della contesa l’ottima difesa dei siciliani che arrivano all’intervallo lungo sul 7-3 per poi gestire l’andamento nei due periodi conclusivi; top scorer di giornata Napolitano che mette a referto quattro reti. Pesantissimo, in ottica salvezza, il 10-9 con cui la Seleco Nuoto Catania supera la Rari Nantes Savona, sale in ottava posizione ed incrementa il vantaggio sulle zona playout, ora distante cinque lunghezze, nonostante l’espulsione per comportamento antisportivo di Kovacic e la brutalità fischiata a Giorgio Torrisi.