#LeAltreInItalia: il punto sulla lotta scudetto

serie-a

A circa due settimane dal pareggio di Bergamo che ha lasciato il Napoli solo soletto in testa alla classifica, analizziamo il momento delle concorrenti degli azzurri in zona scudetto, in vista di una giornata di campionato che metterà di fronte le sei grandi, in tre scontri diretti di grande fascino. Cominciamo dalla Juventus, che affronterà la Lazio con un’immensa voglia di riscattare il mezzo passo falso dell’Atleti Azzurri d’Italia. Allegri deve fare i conti con il ritorno dei nazionali sudamericani dall’ultima pirotecnica giornata delle qualificazioni Comnebol. Cuadrado, Bentancur e Alex Sandro saranno in dubbio fino all’ultimo, mentre Dybala con ogni probabilità sarà in campo dal primo minuto. I bianconeri hanno recuperato Khedira e Marchisio, svuotando quasi del tutto l’infermeria. Restano indisponibili solamente Pjanic, Howedes, De Sciglio e Pjaca. Il tour de force che vedrà impegnata la Juve nel mese di ottobre potrà risultare determinare per conoscere il reale valore di una squadra che apparentemente sta rendendo peggio dell’anno scorso. Di Francesco si avvicina alla sfida col Napoli con la consapevolezza di essere sotto esame, forse ancor di più del suo collega e avversario Sarri. Il tecnico abruzzese, che dovrà fare a meno di El Shaarawy, rischia di dover rinunciare anche a Strootman. Schick e Karsdorp potrebbero essere recuperati, ma non saranno rischiati in un match così delicato. I giallorossi sono reduci dalla vittoria esterna con il Milan che ha evidenziato la crescita di De Rossi e compagni in termini di solidità e cinismo. Ottenere un risultato positivo nell’attesa sfida con i partenopei darebbe ulteriore fiducia ad una squadra che ha cambiato tanto e che è stata criticata troppo a inizio stagione. Chiudiamo con l’Inter, che domenica sera affronterà il primo derby dell’era Spalletti. L’unico assente in casa nerazzurra sarà Brozovic, che ha rimediato un problema fisico piuttosto grave. Le vittorie ottenute con Genoa e Benevento hanno convinto solo parzialmente, viste le prestazioni tutt’altro che esaltanti offerte da Icardi e compagni. Prevedere che Inter scenderà in campo nel match col Milan è piuttosto difficile, visto che finora i nerazzurri hanno mostrato tutto e il contrario di tutto, sia nel bene che nel male. Conoscendo Montella, difficilmente i rossoneri rinunceranno a fare la partita, per cui Spalletti probabilmente preparerà la sfida puntando a colpire in ripartenza la traballante retroguardia comandata, finora malissimo, da Bonucci.