Il Napoli a Milano per conquistare tre punti fondamentali

calzona

La splendida conclusione a giro grazie a cui Diawara ha spedito il pallone nell’angolino per il 2-1 del Napoli ha riaperto l’andamento di un campionato che fino a due minuti dal novantesimo sembrava essere stato chiuso dalla rete di Stepinski. Il duello scudetto, a sette giornate dal termine, entra ormai sempre più nel vivo e si prepara a vivere lo snodo che potrebbe rivelarsi cruciale con la disputa di due turni in tre giorni che condurranno le due contendenti al confronto diretto in programma all’Allianz Stadium nel posticipo serale del ventidue aprile. Gli azzurri, secondi in classifica con settantasette punti, iniziano il trittico d’impegni dal match previsto domenica pomeriggio, orario d’inizio previsto alle ore 15:00, a San Siro contro il Milan, incontro valevole per il trentaduesimo turno, il tredicesimo del girone di ritorno. La perla confezionata dal centrocampista nativo della Guinea ha apposto il sigillo all’ottava rimonta vincente messa a referto dai partenopei, indice dall’evidente processo di maturazione mentale di un gruppo che ha saputo , nell’ultima circostanza,  gettare il cuore oltre l’ostacolo riuscendo ad arginare anche il calo psicofisico di alcuni dei suoi elementi cardine. Il titolare della casacca numero quarantadue porta a quattordici i giocatori che hanno iscritto almeno una volta il proprio nome nel tabellino dei marcatori, prova della coralità di partecipazione alla manovra offensiva che sta compensando la diminuzione delle reti garantite dal tridente. Il punto del provvisorio 1-1 siglato da Milik contro l’undici clivense ha ufficializzato l’avvenuto recupero dell’attaccante polacco che deve continuare a lavorare per incrementare il livello della sua condizione fisica ma già da ora potrà apportare un significativo contributo alla causa in termini realizzativi e offrirà al suo allenatore un’importante variante da due diversi punti di vista: tattico con la possibilità di poter passare al 4-2-3-1; tecnico per la possibilità di poter proficuamente sfruttare i cross dalle fasce laterali grazie alla sua prorompente fisicità. Particolare bravura dovrà ora dimostrare Sarri nel sostenere i due principali terminali del suo reparto offensivo restituendo la necessaria fiducia a Mertens, a secco in campionato da trecentosessanta minuti nonché ipnotizzato da Sorrentino sull’esecuzione dal dischetto, e la doverosa serenità,dopo gli screzi con una parte del pubblico, a Lorenzo Insigne che continua a confezionare assist deliziosi, il computo totale arriva a dodici, e ad arricchire la collezione di legni colpiti ma non riesce ad incidere sul piano realizzativo come nella precedente annata. L’allenatore impiegherà  Maggio al posto di Mario Rui, appiedato per un turno dopo il giallo rimediato domenica scorsa, con il conseguente spostamento di Hysaj sull’out opposto. Dopo aver inanellato una serie di otto vittorie ed un pareggio nelle prime nove uscite del girone di ritorno il Milan ha rallentato la sua andatura collezionando due punti nelle ultime tre partite. La necessità di cogliere un risultato positivo che alimenti le speranze di qualificazione alla prossima Europa League imporrà ai rossoneri, pur nel rispetto degli equilibri tattici che hanno accompagnato il processo di rinascita della squadra, una condotta di gara propositiva che concederà quegli spazi nei quali i contropiedisti avversari potrebbero andare a nozze. La contemporanea assenza di Bonucci, squalificato dal giudice sportivo per somma di ammonizioni, e Romagnoli, fuori almeno due settimane per infortunio, tolgono a Gattuso la coppia centrale di un reparto difensivo che sta rappresentando uno dei punti di forza della squadra. Zapata e Musacchio, giocatori di assoluto valore sul piano individuale, non giocano insieme dall’inizio dell’annata e potrebbero risentire, almeno nelle fasi iniziali di questa situazione.